Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La categoria Comunicati stampa contiene 105 articoli

Comunicati stampa

“Ridare vita alla vita attraverso il DNA” a Città della Scienza

Sabato 24 febbraio, alle 11.00 e alle 12.15, a Città della Scienza, Corporea, focus sull’universo delle malattie rare con l’appuntamento “Ridare vita alla vita attraverso il DNA: l’Adrenoleucodistrofia la rosa della speranza”. Napoli – Il 6 febbraio ricorre la Giornata della vita, ma…febbraio è anche il mese dedicato al malato e il 28 è il giorno in cui nel mondo si richiama l’attenzione sui malati rari. Tra i tanti eventi previsti, un appuntamento da non perdere è per sabato 24 febbraio, alle 11.00 e alle 12.15, a Città della Scienza, Corporea, (via Coroglio, 104), con il focus “Ridare vita alla vita attraverso il DNA: l’adrenoleucodistrofia la rosa della speranza”, inserito nell’ambito della manifestazione Sport, Salute & Benessere (http://www.cittadellascienza.it/notizie/sport-salute-benessere-sabato-24-e-domenica-25-febbraio-2018-a-citta-della-scienza/). Un appuntamento che si gemella idealmente con la giornata dedicata al malato, giunta alla XXVI edizione (svoltasi lo scorso 11 febbraio), in cui è stato sottolineato dallo stesso Pontefice come sia importante recuperare una dimensione di condivisione ed un rapporto di vicinanza con chi soffre, ma anche con la giornata dedicata alla vita, il 6 febbraio. Una posizione orizzontale di simmetria e non verticale di asimmetria e di disuguaglianza, tale da spingere al più ad una blanda “pietà”, come direbbe il filosofo Aldo Masullo. Un momento per dare voce all’universo della ricerca, che si muove in maniera costante e progressiva, anche se silente e tra mille ostacoli. Un momento per capire, condividere, sostenere. Una tappa fondamentale per accendere l’attenzione sull’universo di questi pazienti che spesso, non riescono a ricevere la necessaria visibilità né ad avere voce, per esprimere i propri bisogni e denunciare l’isolamento in cui versano. I malati rari sono 300 milioni in tutto il mondo, affetti da più di 7000 differenti malattie rare. Tra i malati rari ve ne sono alcuni che potrebbero essere considerati rari tra i rari. Si tratta delle persone affette da Adrenoleucodistrofia X-legata (ALD), vittime di una malattia che spesso ha un esordio subdolo ma sempre una evoluzione inarrestabile, e le cui prime descrizioni sono quelle, all’inizio del secolo XIX, del neuropatologo Schilder che descriveva probabilmente la forma più grave di ALD, quella cerebrale infantile. “Si tratta – spiega la prof.ssa Marina Melone, direttore del Centro Interuniversitario di Ricerca in Neuroscienze e referente Malattie Rare per l’Università della Campania Luigi Vanvitelli –  di una malattia metabolica, da accumulo di acidi grassi a catena lunga e molto lunga, che colpisce principalmente il Sistema Nervoso, con distruzione progressiva della mielina, la sostanza che riveste le cellule nervose, e le ghiandole surrenali, con conseguente carenza di alcuni ormoni” Il focus sarà occasione per tracciare le tappe nevralgiche della ricerca clinica e neuropatologica. Dalla scoperta dell’Olio di Lorenzo, cui è dedicata una famosa pellicola del 1992, nella quale a un bimbo di 5 anni viene diagnosticata appunto l’ALD, alle attuali prospettive di screening neonatale, fino a giungere alle frontiere di avanguardia offerte dalla terapia genica. “La sostituzione del gene difettoso con un gene funzionale – evidenzia Marina Melone –  è l’obiettivo della terapia, per trattare la forma cerebrale di Adrenoleucodistrofia […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Giappo Airport vince il ‘Best Retailer’ Food&Beverage 2017

È Giappo Airport di Napoli l’attività vincitrice del concorso ‘Best Retailer’ 2017, indetto dall’aeroporto di Capodichino. L’attività di ristorazione giapponese, nata in città e presente presso lo scalo aeroportuale da tre anni si è aggiudicata il premio per la categoria Food&Beverage. La Gesac, la Società di gestione dell’aeroporto, ha strutturato la classifica Best Retailer sulla somma di due principali fattori: il punteggio attribuito dal Mistery Client (specifica metodologia di verifica della soddisfazione del cliente, dell’applicazione degli standard aziendali e della qualità percepita dalla clientela) e l’incremento percentuale di fatturato a passeggero. “E’ una soddisfazione enorme che gratifica il mio operato, quello dei dipendenti di Giappo Airport Napoli e di tutti i miei collaboratori – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Giappo Italia, Enrico Schettino – anche in considerazione del fatto che il prestigioso riconoscimento arriva all’interno dello scalo di Capodichino a sua volta premiato, lo scorso anno, quale miglior aeroporto europeo nella sua categoria (5-10 milioni di passeggeri, ndr) con l’Aci Europe Award”. Mentre l’aeroporto di Capodichino prosegue la propria crescita, con un ulteriore incremento previsto per il 2018 che porterà a superare i 9 milioni di passeggeri, Giappo riesce a mantenere altissimo il proprio livello di qualità e servizio; la formula vincente della catena nipponica nata a Napoli si concretizza infatti, tra le altre cose, proprio nella qualità dei prodotti che offre e delle materie prime, nei menù freschi e variegati – nati dalla fusione dell’esperienza di oltre 50 chef –, nei pratici box da portare direttamente in aereo e nel nuovo format Me&Tea, per un Healthy Break a base di 25 tipologie di tea, tisane e prodotti gluten free. Con il premio ricevuto da Gesac, il gruppo Giappo si conferma, ancora una volta, una realtà affermata nel settore ed in costante sviluppo; oltre a fornire sushi nelle più prestigiose location, durante i principali eventi e manifestazioni, con i suoi 15 ristoranti in Italia, Giappo si rivela anche un importante polo occupazionale nazionale e, da circa un anno, con la neonata Giappo Academy (la prima scuola di cucina giapponese professionale) un centro di avvio al lavoro, che ha già formato oltre 500 corsisti amatoriali e 60 chef professionisti. Per ulteriori informazioni sulle molteplici attività del gruppo Giappo è possibile visitare il sito: http://www.giappo.com/

... continua la lettura
Comunicati stampa

Vista, Olfatto e Gusto moltiplicato per Sei

Lunedì 26 febbraio ore 20.00, presso lo splendido complesso turistico Il San Cristoforo di Ercolano, sorto a valle del Vesuvio e immerso nel verde lussureggiante e rivoli d’acqua, si terrà “Vista, Olfatto e Gusto moltiplicato per Sei”, degustazione alla cieca di sei vini provenienti da sei regioni italiane. Organizzata da Angela Merolla, vedrà vini serviti con etichette e bottiglie bendate; solo a degustazione ultimata sarà rivelata la regione d’appartenenza, la cantina produttrice, il vitigno, l’annata e la gradazione alcolica di ogni vino, questo per rendere l’esame organolettico più oggettivo possibile, evitando di condizionare i giudizi dei degustatori. Una lettura intrigante quanto affascinante, per una serata finalizzata all’approfondimento di alcune espressioni dei terroir italiani. “Vista, Olfatto e Gusto moltiplicato per Sei” sarà riservata a ristoratori, chef, sommelier e giornalisti del settore. In abbinamento ad ogni vino saranno serviti prodotti gastronomici di alta qualità, piatti originali e la portata finale verrà realizzata da Antonio Tecchia executive chef de Il San Cristoforo. Si approfondiranno così i suggestivi sapori di territori diversi: Chef Francesco Lama “Cucù”- Aversa CE – Little Bun ai cinque cereali con tonno fresco pinna gialla, stracciata di bufala aromatizzata allo zenzero e spinacino fresco Jamonita – Nocera Inferiore SA -Tris di formaggi irpini Cooperativa Agricola Pecorino Bagnolese – Bagnoli Irpino AV : Pecorino stagionato 12 mesi in grotta a latte crudo locale Pecorino affinato su vinacce 14 mesi in grotta a latte crudo locale Caprino stagionato 4 mesi in grotta a latte crudo locale Mastro Fornaio Domenico Fioretti – Carinaro CE Il Bufalino: mini casatiello bufalino, bocconcino di mozzarella bufala, caciotta di bufala, caciocavallo di bufala, salsiccia e salame di bufalo Jamonita – Nocera Inferiore SA -Jamon Iberico Senorio de Olivenza denominazione di origine Dehesa de Extremadura -100% razza pura iberica stagionato 48/54 mesi Chef Gianluca Ungaro – Ciacco & Bacco – Gragnano NA Pacchero dorato e fritto, ripieno di ragù di Picanha su salsa ai tre pomodori Chef Antonio Tecchia – Il San Cristoforo – Sensazioni al quadrato Concludendo con il “Cassatino” del mastro fornaio Domenico Fioretti e il dessert “Goccia d’Oro” de La Ginestra in abbinamento al Limoncello Distilleria Petrone. La serata è riservata e solo su invito.   Partner: I.P.S.S.E.O.A. De Gennaro – Vico Equense NA RF Jewelry – Sarno SA Olearia Duraccio – Ottaviano NA – Uliveti e Frantoio a Buccino SA Olio extra Vergine di Oliva Biologico monocultivar Frantoiane Cucù – Aversa CE Ciacco & Bacco Ristoburger 2016 Gragnano NA Panificio Domenico Fioretti – Carinaro CE Pastifico Gentile – Gragnano NA Jamonita – Nocera Inferiore SA Coop.Agricola Pecorino Bagnolese – Bagnoli Irpino AV Caseificio Marrandino – Castel Volturno CE Caseificio Ponte a Mare – Castel Volturno CE Senorio de Olivenza – Badajoz – Spagna Lem Carni Spa – Dozza BO La Ginestra – Cooperativa agrituristica e apistica -Vico Equense NA Distilleria Petrone – Mondragone CE Il San Cristoforo Via Benedetto Cozzolino – Ercolano NA Fisso: 081 7712292 Mobile: 335 761 4181 www.ilsancristoforo.it

... continua la lettura
Comunicati stampa

“L’Amore è”, il charity gala a sostegno dell’Istituto Pascale

Sarà Alessia Fabiani, ex letterina, oggi apprezzata attrice di teatro e mamma amorevole di due splendidi gemelli Kim e Keira, la testimonial della nuova edizione de “L’Amore è “, il charity gala promosso da Maridì Communication, atto a sostenere il Progetto “Ludoteca” dell’Istituto Pascale di Napoli, destinato all’accoglienza ed all’intrattenimento dei bambini, figli di amici e parenti dei pazienti ricoverati.  Reduce dal successo ottenuto in teatro quale protagonista di “Ti presento mio fratello” una commedia tutta napoletana accanto a Stefano Sarcinelli e Peppe Quintale con la regia di Peppe Miale, la Fabiani è puntualmente sensibile alle istanze dei più bisognosi, soprattutto dei bambini più disagiati. Accanto a lei, Nelson, già premiato come autore dei testi della colonna sonora del film “Ammore e Malavita”, attualmente in nomination al David di Donatello come Migliore Canzone Originale per il brano “Bang, Bang”,l’attore, produttore Marzio Honorato e l’”enfant prodige” Elena Foresta della scuola “Lavorart” di Gragnano (NA) co-protagonista nel film per la Tv “In punta di piedi” del maestro Alessandro D’Alatri.  Ad aprire la serata, in omaggio all’”Amore”, il fashion show del maestro Bruno Caruso che presenterà una capsule delle sue esclusive creazioni “Haute Couture” e della “Bride Collection”, seguito dal defilè del maestro pellicciaio Umberto Antonelli che proporrà un’anteprima della prossima collezione Autunno/Inverno 2018/19 dei suoi capi pregiati dalle nuance brillanti ed i tagli originali. Molto atteso il debutto in passerella di “Citarelli” shoes, un’azienda leader da oltre 20 anni nel mondo delle calzature ed accessori in pelle che vanterà una testimonial d’eccezione, Federica Citarelli, giovanissima e rampante aspirante fotomodella, per lasciare poi la scena ad una fashion food surprice curata da una “regista per una sera”: la dottoressa Matilde De Tommasis farmacista da più generazioni che, affiancata dal biologo nutrizionista Vincenzo De Honestis, illustrerà agli ospiti tutti i segreti alimentari  per una forma fisica perfetta ed una corretta “prevenzione”.  Ampio spazio alla cura del benessere psico-fisico dell’individuo con gli innovativi strumenti idonei ad arginare  l’handicap della sordità, quali le protesi acustiche miniaturizzate digitali realizzate e proposte da Otofarma SPA nella persona dell’AD  Giovanna Incarnato Bartolomucci, le ultime tecniche più efficaci e sempre  meno invasive della chirurgia plastica del “Mago del bisturi” Ivan La Rusca ed i “Pacchetti Beauty & Health” offerti dal Centro Estetico “Claia”, situato in pieno centro Vomero . In scena anche  il Food & Beverage con gli attesissimi show cooking dei maestri pasticcieri Gerardo Di Dato e Carmine Carrelli,  gli “Sfizi di pizza” confezionati al momento della storica azienda “Da Pasqualino” al Borgo Loreto, nel cuore di Napoli antica rappresentata da Lella Gallifuoco, Campionessa mondiale di pizza fritta in tandem con la sorella Linda, “Artist pizzaiola” che per l’occasione si esibirà nella esecuzione di una pizza ispirata al tema dell’amore e, dulcis in fundo, un suggestivo viaggio nella degustazione della nuova linea Cialde del Caffè Kamo articolata in quattro selezionatissime miscele, Kamo Tulima, Kamo Tambora, Kamo Fuego, ispirate alla denominazione di noti vulcani del mondo  accanto alla miscela Kamo Deca che esula dalla logica dei vulcani. Da menzionare, tra […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

“Le storie ai margini nei romanzi di De Giovanni” alla La Bottega delle Parole

Dopo aver presentato i suoi romanzi nei grandi teatri della città, il padre del commissario Ricciardi e dell’ispettore Lojacono approda nella piccola sala di periferia. Lunedì 29 gennaio 2018 alle ore 18.00 presso lo spazio teatrale Nest, in via Bernardino Martirano 17, San Giovanni a Teduccio, ci sarà un incontro con lo scrittore napoletano Maurizio De Giovanni in occasione dell’uscita del romanzo “Souvenir”, ultimo episodio del ciclo de “I bastardi di Pizzofalcone”. L’evento si colloca nell’ambito della rassegna di presentazioni “Libri dietro le quinte”, promossa dall’associazione Gioco, immagine e parole in collaborazione con la Cooperativa Sociale Sepofà e La Bottega delle Parole. “Libri dietro le quinte” è un progetto che si propone di andare oltre i caratteri della pagina stampata di un libro per portare in scena la mano invisibile dello scrittore e permettere alla carta editata di prendere corpo e fiato sul palcoscenico. L’incontro con l’autore non è dedicato solo al suo ultimo successo editoriale, ma punta a mettere in luce quell’intuizione letteraria che fa da fil rouge nelle pagine dei romanzi del ciclo, tra colpi di scena e impareggiabili spaccati psicologici: si tratta delle storie “al margine” che, seppur poste su un piano narrativo secondario, si impongono all’attenzione del lettore in virtù della loro potenza emotiva e della loro carica sociale, storie che, come sottolinea l’autore in questo caso, fanno di “ottobre stesso un souvenir”. La scelta di porre l’attenzione sui risvolti sociali suggeriti dalle pagine dell’autore è in linea con gli obiettivi principali dell’associazione Gioco, immagine e parole, che da sempre si propone di stimolare la riflessione critica, soprattutto dei giovani, su fenomeni di emarginazione e disagio, affinché questi si pongano quali agenti di cambiamento. Saranno argomento di dibattito anche il valore della letteratura come mezzo di comunicazione, i mille volti di Napoli, la sua umanità e i molteplici modi di raccontarla. Dialogheranno con l’autore Nino Daniele, Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, e Martina Romanello dell’associazione Gioco, immagine e parole. Le letture di alcune pagine dell’autore sono a cura dei giovani attori della compagnia di teatro civile “A’ Menesta”. Ingresso libero

... continua la lettura
Comunicati stampa

Treni Strettamente Sorvegliati

COMUNICATO STAMPA Spettacolo teatrale T.s.s. TRENI STRETTAMENTE SORVEGLIATI Progetto, adattamento e regia di Massimiliano Rossi dal 19 Gennaio 2018 19/20/21 – 25/26/27/28 Gennaio 2018 Teatro La Giostra/Speranzella 81 – Via Speranzella, 81 (scalette piazzetta Augusteo, a sx) – Napoli   TaRatatà prod. presenta lo spettacolo “TSS – Treni Strettamente Sorvegliati”, in scena presso il Teatro La Giostra/Speranzella81 dal 13 al 28 Gennaio 2018 (13/14 – 19/20/21 – 26/27/28 Gennaio 2018); regia Massimiliano Rossi; interpreti (personaggi): Giovanni Buselli (Milosh Hrma), Angela Rosa D’Auria (I°/ II°mamma-Sig.ra Laskà), Pietro Juliano/Massimiliano Rossi (capomanovra Hubicika), Giuseppe Villa (facchino Novak), Giuseppe Fiscariello (capostazione), Adele Vitale (Viktoria Freie-contessa Kinskà), Antonio Clemente (caposervizio Slushny); Noemi Giulia Fabiano (Masha), Sara Lupoli (Zdna Svatà), Marco Aspride (macchinista Knigè), Michele Capone (I° SS-soldato), Valerio Lombardi (II° SS). Scene-luci Davide Carità, costumi Claudia Citarella, sound design red pecky studio sound design, movimenti di scena Sara Lupoli, grafica Malive, foto Alessandro Palumbo, trucco Rosa Falco, ufficio stampa Gabriella Galbiati, aiuto regia Vincenzo Capaldo, assistenti alla regia Noemi Giulia Fabiano, Valerio Lombardi, aiuto scenografo Giordana Innocenti In concomitanza dello spettacolo il regista Massimiliano Rossi terrà il WORKSHOP per attori: Dal testo alla scena – il lavoro dell’attore, dal 26 al 28 gennaio presso il Teatro La Giostra/Speranzella81 (26 e 28 gennaio dalle ore 10 alle ore 17, 27 gennaio dalle ore 14 alle ore 19). Presentazione “Treni strettamente sorvegliati” è un romanzo dello scrittore Ceco Bohumil Hrabal, da cui fu tratto anche un bellissimo film che nel 1967 vinse l’Oscar con la regia di Jiri Menzel. Questo è il suo primo adattamento per il teatro. Adattare per il teatro il romanzo di Bohumil Hrabal può rappresentare una vera e propria sfida. La prosa di Hrabal, di straordinario impatto immaginifico, proprio perché profondamente visiva rende ardita la sua eventuale trasformazione in flusso di immagini. Milosh, Charlot boemo, diventa adulto tra i propri insuccessi amorosi e gli scintillanti successi del capo-manovra Hubicka (che stampa timbri sulle chiappe della telegrafista), tra il ricordo del nonno che voleva fermare i tank con l’ipnosi e quella bomba, quella “cosina” che lui, Milosh, deve infilare nel treno dei nazisti. Treni strettamente sorvegliati è una delle opere attraverso le quali il genio di Bohumil Hrabal è stato conosciuto nel mondo. Rispetto al bellissimo libro e all’altrettanto bellissimo film, si vorrebbe riuscire a non perdere – ma semmai amplificare – quell’erotismo giocoso e anarchico che contrassegna l’originale scritto. Eros e Thanatos, afferma Freud, sono in lotta continua e l’evoluzione civile è un costante impegno volto a impedire alla seconda di mandare in rovina la società, che nasce dalla tendenza aggregativa della prima. Imperniare tutto il racconto sul contrasto tra l’istinto alla vita e l’istinto alla morte sembra dare un senso psicologico alla follia distruttiva nei decenni dalla prima alla seconda guerra mondiale. Tutti i personaggi del testo rappresentano queste pulsioni primarie: vita, morte, principio di realtà. È con l’interazione di queste due forze contrapposte Eros e Thanatos che si producono i cambiamenti nella vita umana, due principi dinamici della psiche umana. Milosh, […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

“Letters to Santa”, allo Spazio Creativo è già Natale!

Un golden carpet per le gonne sartoriali della blogger napoletana Simona Ficuciello, che ha presentato le sue  realizzazioni nello ”Spazio creativo” dell’agenzia di comunicazione Camera Off bottega fotografica. Per il primo appuntamento del  nuovo happening di Napoli, ideato dalla giornalista Valentina Nasso e curato da Pasquale Sanseverino, sfila in passerella la Christmas collection “Letters to Santa”: sei gonne disegnate e realizzate dalla blogger che richiamano nei colori e nelle trame l’atmosfera natalizia. Ad indossare le creazioni, modelle per un giorno, le giornaliste: Titty Alvino, Rosa Alvino, Sveva della Volpe, Emma di Lorenzo, Chiara Reale e Sonia Sodano, custodi dei desideri nelle letterine per Babbo Natale dei bambini ricoverati nel reparto di pediatria dell’Ospedale Policlinico di Napoli, a cui sarà destinato l’intero ricavato della vendita delle gonne sartoriali. Il dono prezioso di saper scrivere al sevizio dei bambini, per portare un po’ di felicità e sostegno. Le giornaliste, ambasciatrici di un messaggio d’amore hanno ricevuto una bambola, fatta a mano dalle sarte di San Leucio, in ricordo della loro partecipazione. È stata anche presentata la collezione “labor omnia vincit”  frutto della creatività di Simona Ficuciello, dedicata all’impegno e alla determinazione delle donne, alla loro caparbietà, alla  costanza con la quale perseguono gli obiettivi, combattendo per affermarsi nel modo del lavoro ogni giorno, perché l’amore ci rende vivi ma il lavoro ci salva. Una serata all’insegna della beneficenza in un’atmosfera natalizia tra brindisi e panettoni artigianali, con un set fotografico allestito per le modelle e per le giornaliste che nonostante l’ imbarazzo iniziale si sono cimentate in uno shooting divertente come vere professioniste del settore. In passerella e sul set le allieve di Nartè Academy, la prima Accademia nazionale del Sud Italia, per aspiranti protagonisti della scena artistica e del mondo dello spettacolo diretta da Adriano Pantaleo. La sfilata, immortalata dal numeroso gruppo di fotografi di Cobf,è stata preceduta da un cocktail party,con assaggi di prodotti di eccellenza dell’azienda casearia Fierro,accompagnati dalla  degustazione del Piedirosso,proveniente dal tipico vitigno a bacca rossa della zona Flegrea, dell’Azienda Agricola Mario Portolano e un Greco di Tufo dell’azienda vitivinicola Annicchiarico località Santa Paolina in provincia di Avellino. SPAZIO CREATIVO “Spazio creativo”, dedicato ai giovani artisti napoletani, uno spazio per confrontarsi e raccogliere nuove idee, una domenica al mese, come in un salotto di casa, presso l’agenzia di via Medina. Uno spazio in continua evoluzione in cui gli artisti potranno esporre gratuitamente il loro talento e creatività.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Rovine di Luca Signorini, le macerie in ognuno di noi

«Vi sono orchi di tipo colloso, che vivono e operano nella colla, ove è difficile distinguerli e in generale dar contorni. Altri orchi sono come opere incompiute tra altre opere incompiute, che nell’incompiutezza generale creano una pasta architettonica omogenea». La presentazione del libro Rovine di Luca Signorini edito dalla Alessandro Polidoro, 20 novembre ore 18:00 appuntamento al Gran Caffè Gambrinus Prefazione Enzo d’Errico, direttore del Corriere del Mezzogiorno. Presentazione Enza Alfano, scrittrice, con la partecipazione di Giovanni Conzo, procuratore aggiunto Benevento, Nino Daniele, Assessore alla Cultura del Comune di Napoli. Musica di Luca Signorini e Giuseppe Russo. Il libro è diviso in tre sezioni che comunicano tra loro per tematiche e sentimenti: la prima parte è un dialogo in movimento con la città di Napoli. Al centro, c’è Rovine, il filo conduttore di tutto il libro. La terza sezione è una raccolta di articoli scritti da Luca Signorini per il Corriere del Mezzogiorno. Il dialogo con una città dalle mille contraddizioni e la storia di un’anima gentile ingiustamente violata. Luca Signorini racconta in questo libro le rovine che i suoi occhi incontrano passeggiando, le macerie di una Napoli in decadenza e quelle che abitano in ognuno di noi. L’autore le racconta attraversando le vite degli altri e in particolare quella di Maria, giovane ragazza e aspirante violoncellista. E lo fa con cadenza musicale, non risparmiando di raccontare il paradiso e l’inferno della vita, lasciando posto sul finale, a uno spiraglio di luce. LUCA SIGNORINI è violoncellista, compositore e scrittore. Ha studiato Violoncello e Composizione al Conservatorio di S. Cecilia di Roma, alla Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna e al Conservatorio di Maastricht ed è stato premiato ai concorsi internazionali Gaspar Cassadò, Maria Canals, Vittorio Veneto, Ennio Porrino, Città di Stresa, Accademia Chigiana di Siena, Premio Aram del Conservatorio S. Cecilia. Nell’ambito della musica d’insieme ha partecipato a complessi di varia formazione, dal Duo con pianoforte al Sestetto, collaborando con Uto Ughi, Ruggiero Ricci, Bruno Canino, Wolfang Christ, Felix Ayo, Franco Petracchi. Ha inciso numerosi brani del repertorio violoncellistico, dal ’700 ai contemporanei. È stato Primo Violoncello dell’Orchestra Sinfonica della Rai, dell’Orchestra Sinfonica dell’Accademia di Santa Cecilia, dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma. Il Teatro di San Carlo di Napoli gli ha offerto, per “chiara fama”, il posto di Primo Violoncello. È stato dal 1982 al 2002 titolare della cattedra di Violoncello presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli ed è attualmente Professore di Violoncello presso il Conservatorio Nicola Sala di Benevento. Suona un prezioso violoncello Carlo Tononi del 1740.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Il Riscatto di Afrodite, da Napoli a Firenze per parlare di disabilità

Gioca con le parole il Convegno “Il riscatto di Afrodite”, che si svolgerà a Firenze il 24 novembre dalle 15.00 alle 19.00, ma lo fa con quella leggerezza di calviniana memoria, che serve a fugare la superficialità ed a far spazio al gioco che non serve solo ai bambini ma anche agli adulti per conoscere ed imparare e che ha il sapore delle faccende davvero profonde. Ad ospitare l’incontro la Firenze, in particolare Villa Pallini in Via Francesco Baracca, 150/P. Una Firenze che, in questo caso, incontra e si gemella con Napoli, dato che dal 7 al 9 luglio scorso la Città delle Sirene ha ospitato la seconda edizione del Disability Pride Italia, all’interno del quale vi sono state due serate dedicate ad esplorare, con delicatezza e competenza, ma anche con grinta e propositività, utilizzando e facendo incontrare diversi linguaggi, da quello scientifico a quello dell’arte, il tema dell’affettività e della sessualità. Non a caso è stato proprio a Napoli che è avvenuta la prima presentazione del calendario “Il riscatto di Afrodite”, che dà il nome a tutto il convegno, progetto artistico di Tiziana Luxardo, nota fotografa, spesso protagonista di importanti campagne sociali. L’evento è organizzato in collaborazione con: il Comune di Firenze Q5, l’Associazione Habilia Onlus, l’associazione toscana Paraplegici Onlus, il Centro di Riabilitazione Villa Il Sorriso, il Comitato LoveGiver, Il Disability Pride Italia. Un riscatto possibile che parla da una parte di scatti fotografici, che con coraggio, ma anche con levità, riescono ad entrare in punta di piedi nell’intimità delle persone con disabilità fisica. Un’intimità spesso violata, laddove i bisogni di accudimento si scontrano, in maniera stridente, con la legittima possibilità di autodeterminarsi, di poter concretamente scegliere per la propria vita, anche in condizioni di non autonomia fisica. Un’intimità in cui la fotografa Tiziana Luxardo, che ha curato il progetto fotografico, è riuscita ad entrare con discrezione, sollevando il velo su una realtà, quella dei corpi delle persone con disabilità, abitati da legittimi bisogni e desideri affettivo-sessuali, spesso taciuta o disconosciuta. Ecco perché Afrodite, dea dell’amore ma anche del desiderio, trova in questi strumenti di conoscenza e risveglio delle coscienze un momento nevralgico di riscatto, di riconoscimento pieno di una dimensione appartenente a tutti, al di là della loro condizione esistenziale. Nel convegno, quindi, si parlerà di sessualità a 360 gradi. Dalla presentazione fiorentina del calendario Codacons 2018 (i cui proventi in parte sosterranno il progetto LoveGiver ed in parte l’organizzazione del Disability Pride Italia 2018), all’analisi multidimensionale del tema della sessualità nella disabilità. Il convegno sarà occasione di dialogo, confronto e scambio di visioni ed anche di riflessioni su una serie di buone pratiche, attuali e potenziali, inserite in un orizzonte prospettico. Tra queste verrà introdotto un progetto di consulenza online ad accesso gratuito ed anonimo. Un help desk messo a disposizione per abbattere i tabù su sesso e disabilità. “Le persone con disabilità – sottolinea Fabrizio Quattrini, presidente dell’Istituto Italiano di Sessuologia Scientifica, psicoterapeuta, sessuologo, vicepresidente e responsabile scientifico dell’Osservatorio Nazionale Assistenza Sessuale LoveGiver – ancora […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Maldestro in concerto al teatro Sannazaro di Napoli

Un duplice ritorno a casa per Maldestro, cantautore-rivelazione del 2017, con il concerto che lo vedrà protagonista il 15 novembre al Teatro Sannazaro, e che aprirà la rassegna “Sound of the City” a cura dell’etichetta Jesce sole: oltre ad essere un ritorno a Napoli, la città che gli ha dato i natali, suonare su di un palcoscenico teatrale ha – nel caso di Maldestro – il sapore di un qualcosa di “familiare”, data la nutrita esperienza da attore ed autore di teatro che il giovane ed apprezzato cantautore vanta. Reduce da un fortunato ed intenso tour in giro per l’Italia, mercoledì porterà in scena la sua musica, quella che i muri interiori, come tra le persone, o tra le persone e le istituzioni, prova, con la poesia e storie di vita quotidiana, a demolire, a buttare giù. Maldestro, con il brano “Canzone per Federica”, ha partecipato allo scorso Festival di Sanremo classificandosi secondo tra le Nuove Proposte e facendo incetta di premi, tra i quali il Premio della critica “Mia Martini”. Così, dopo aver raccolto riconoscimenti ambiti ed una calorosa quanto trasversale risposta di pubblico, il cantautore napoletano regalerà ai presenti una performance, ora trascinante ora intimistica, che attingerà a piene mani dall’ultimo album, uscito il 24 marzo. Nella scaletta, inoltre, saranno incluse canzoni come “Sopra al tetto del comune” e “Dannato amore”, tratte dal disco d’esordio “Non trovo le parole” del 2015. Ospiti della serata, Gnut e Alessio Sollo ed il duo Ebbanesis (Viviana Cangiano e Serena Pisa).

... continua la lettura