Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Allied – Un’ombra nascosta: film romantico e spionistico

Allied – Un’ombra nascosta è il nuovo film di Zemeckis, attualmente nelle sale cinematografiche.
Max Vatan (Brad Pitt) e Marianne Beausejour (Marion Cotillard) si conoscono durante una missione nel Marocco francese, nel 1942. Max è un ufficiale canadese, Marianne una partigiana. I due si incontrano a Casablanca e si fingono sposati per uccidere un ufficiale tedesco, ma finiranno per innamorarsi davvero tanto che, completato l’incarico che li vedeva coinvolti, decidono di sposarsi sul serio. La loro relazione sarà molto burrascosa: concepiranno una figlia che verrà alla luce sotto i bombardamenti e, proprio quando la loro vita sembrerà essersi regolarizzata, emergeranno nuovi elementi che rimetteranno completamente in discussione la vita di Max.

Brad Pitt e Marion Cotillard in Allied – Un’ombra nascosta

Max e Marianne sono interpretati da due dei più grandi nomi del cinema italiano, ed è per questo che da Allied ci si aspettava un capolavoro. La pellicola è sicuramente un lavoro riuscito, ma non può essere paragonata ai film cult di Zemeckis come Ritorno al futuro, Chi ha incastrato Roger Rabbit e Forrest Gump.
Sicuramente la performance degli attori può dirsi riuscita, in particolare quella di Marion Cotillard. L’attrice risulta frizzante, eterea, sensuale, coinvolgente, e quasi non lascia spazio a Brad Pitt, il cui ruolo passa più in sordina anche per via della caratterizzazione del personaggio, silenzioso e tenebroso, che deve interpretare. La Cotillard, inoltre, riesce a creare un contatto col pubblico, ed è proprio per questo che il finale risulta d’impatto ed ha un valore maggiore nel bilancio del film.

Allied, un film a metà tra romantico e spionistico

A metà tra un film romantico ed uno di spionaggio, fortemente caratterizzato dai tratti del thriller, Allied – Un’ombra nascosta ricorda, in alcuni momenti, l’impronta hitchcockiana. Tuttavia il thriller lascia il posto, in più punti, all’aspetto sentimentale della storia, che occupa una buona parte del tempo di durata del film. Anche le scene d’azione non eccedono (a tal proposito, la Cotillard è molto credibile nel ruolo di spia), difatti il film funziona molto più per quel che riguarda l’aspetto sentimentale che per la componente spionistica. Allied offre un importante racconto dei sentimenti e delle emozioni dei protagonisti, ma non riesce a mantenere lungamente la tensione sul piano dello spionaggio.

Print Friendly, PDF & Email