Seguici e condividi:

Eroica Fenice

L’amore rubato: 5 tragici episodi di donne

L’amore rubato ovvero cinque motivi diversi per comprendere che il vero amore nei confronti di una donna non può in nessun caso generare violenza.

L’amore rubato è un film ad episodi di genere drammatico dedicato ai milioni di donne abusate, minacciate e private di ogni diritto da uomini brutali che non hanno nulla di cui vantarsi, i casi drammatici e sconcertanti, documentati dai media negli ultimi anni, sono pochi rispetto alla realtà nascosta, rappresentano solo una punta di un iceberg.

Ancora oggi, molte donne preferiscono tacere e non denunciare le violenze subite sulla propria pelle e nella psiche, per paura di andare incontro a nuove minacce o ritorsioni, cause di conseguenze ancora più dolorose, ergendo così una cortina invisibile e silenziosa con il mondo esterno. La pellicola, tratta dal romanzo omonimo di Dacia Maraini e diretta da Iris Braschi, rientra nel piano dell’iniziativa indetta il 25 Novembre, dedicata alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Tra le protagoniste ritroviamo Stefania Rocca, che con grande intensità entra nella parte di un ruolo combattuto e tormentato. L’attrice già da tempo attiva con ActionAid, ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa: «Fare questo film, è un modo per sensibilizzare sul tema. Quando mi hanno proposto di prendere parte alla pellicola non ho dovuto pensare un minuto. Il cinema può fare grandi cose».

L’amore rubato, la trama

L’amore rubato è un insieme di 5 storie diverse di donne unite dallo stesso sfortunato destino, quello di incontrare sulla propria strada uomini violenti e privi di sensibilità affettiva. Marina nutre protezione ed affetto nei riguardi del suo bambino Giacomo, unica sua ancora di salvezza, ma è condannata a sottostare alle dure regole dettate dal marito. Francesca è una spensierata adolescente liceale di 14 anni, alle prese con le prime love story, ma una giornata trascorsa al mare diviene per lei un incubo, generato da un branco di ragazzi, suoi compagni di classe. Angela è una cinquantenne affascinante e solitaria, un pomeriggio di settembre su una spiaggia incontra Gesuino, un uomo sportivo, schivo e solitario; tra i due nasce una buona intesa, ma con il trascorrere del tempo i gesti romantici e premurosi dell’uomo si trasformano in scatti violenti alimentati da immotivate gelosie e atteggiamenti ossessivi e morbosi, fino a sfociare in un’incontrollata aggressione. Alessandra, abita in un palazzone di periferia, succube del suo datore di lavoro, non riesce a liberarsi dal suo dominio e dai suoi abusi, mentre Anna sogna di diventare attrice, girando i teatri del mondo alla ricerca di successo, ma con la convivenza con Moro, un celebre rockstar, qualcosa nella sua vita si incrina in modo pericoloso. Le due ragazze contrapposte nelle tendenze e nello stile di vita, si ritrovano accomunate da un triste destino perdendo ogni speranza futura di riscatto.

«Ci insegnavano una volta, che i panni sporchi si lavano tra le mura domestiche. Oggi, è importante spronare quante più donne è possibile a rompere il muro del silenzio» – Stefania Rocca.

Nobile è l’impegno rivolto dalla produzione e dalla regia, che devolveranno i proventi ricavati nei giorni di proiezione del film a “We World”, una onlus sostenitrice di tutte le donne vittime di maltrattamenti in Italia, dove negli ultimi anni si contano oltre sei milioni di casi di violenze, abusi, femminicidi, che spesso avvengono in famiglia. Dati sconcertanti che fanno riflettere su come porre fine a queste piaghe senza status sociale o età anagrafica, ma soprattutto prive di umanità e amore per le donne offese nella loro dignità di persone. Braschi, ispirata dai racconti di Dacia Maraini, riesce bene nel corso delle riprese ad intrecciare 5 diversi episodi (su 8 raccontati dalla scrittrice), con una regia bene articolata, dando un’idea più ampia sulle diverse tipologie di violenze subite dalle donne.

L’amore rubato prodotto da “Anthos” e “RAI cinema” con il sostegno del “Ministero dei Beni e delle Attività Culturali” è stato distribuito in Italia, solo nei giorni 29/30 Novembre, per celebrare la “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, per poi essere  trasmesso sulla RAI l’8 Marzo 2017, “Giornata della donna”. Inoltre Braschi si avvale di un cast nutrito e di grande esperienza, tra cui: Gabriella Pession, Elena Sofia Ricci, Elisabetta Mirra, Chiara Mastalli, Alessandro Preziosi, Francesco Montanari, Emilio Solfrizzi, Antonio Catania e Antonello Fassari.

L’amore rubato è un film da vedere e su cui parlare, affinché si aprano iniziative costruttive per porre fine alle violenze inaudite sulle donne.   

Print Friendly, PDF & Email