Seguici e condividi:

Eroica Fenice

golden globes

Golden Globes 2018: cerimonia total black

7 gennaio 2018. Los Angeles.
We wear black.

Lo avevano annunciato le star della 75esima edizione dei Golden Globes: si sarebbero vestite di nero in segno di protesta contro le molestie. In total black si sono avvicendate sul red carpet attrici internazionali tra cui Maryl Streep, Keala Settle, ma anche Alessandra Mastronardi, unicum italiano tra le attrici presenti alla cerimonia.

Ondata nera sul carpet e toccanti discorsi sul palco, da Ophran Winfrey a Debra Messing; la violenza al centro dei monologhi, seguita dalla necessità di rompere il silenzio e di reagire ai soprusi, sostenendo il movimento “Time’s Up” (Il tempo è scaduto), che incoraggia a denunciare e non tenere la bocca chiusa.
In un panorama cinematografico ancora restio a tagliare le etichette con cui le attrici convivono da sempre nei ruoli: “moglie di, madre di, figlia di”, con grande sorpresa vincono trame dalla forte componente femminile eppure, al premio miglior regia “sono candidati tutti uomini”, proprio come afferma Natalie Portman.

Seth Mayers, comico e conduttore televisivo ha presentato la cerimonia, che quest’anno si è tenuta al Bevery Hilton Hotel di Beverly Hills. A consegnare i premi prestigiosi attori e attrici, figure di spicco nel cinema americano: da Penelope Cruz a Hugh Grent, da Sarah Jessica Parker a Emma Watson.

Trionfa nelle categorie di miglior film drammatico Martin McDonagh, attrice protagonista (Frances McDormand), attore non protagonista (Sam Rockwell) e sceneggiatura. La migliore commedia dell’anno è Lady Bird di Greta Gerwig, Saoirse Ronan miglior attrice protagonista. Gary Oldman si aggiudica il titolo di miglior attore protagonista nel film drammatico “Nell’Ora più Buia” e Guillermo Del Toro vince il Golden Globe per la regia del film La Forma dell’Acqua.
James Franco vince come miglior attore protagonista per il suo The Disaster Artist. Allison Janney è la migliore attrice non protagonista per I, Tonya.

Un buco nell’acqua per l’Italia, il miglior film straniero se lo aggiudica il tedesco In the Fade.

Uscito il 28 dicembre nei cinema italiani, vince il Golden Globe come miglior film d’animazione l’ultimo lungometraggio Disney Coco. Spettacolare grafica e piacevole trama, che spiega il significato della morte ai più piccini, attraverso gli occhi di un bambino messicano Miguel.

Con i Golden Globes si apre la stagione dei premi cinematografici più ambiti… non resta che aspettare la famosa notte degli Oscar!