Seguici e condividi:

Eroica Fenice

money monster

Money Monster – la TV delle scomode verità

“Please stand by….. ecco a voi il mago di Wall Street in carne ed ossa. Mi chiamo Lee Gates, benvenuti a Money Monster, chi non rischia, nulla guadagna”.

Money Monster – L’altra faccia del denaro, (qui il trailer) è un film diretto dall’attrice e produttrice Jodie Foster (vincitrice di due Oscar come miglior attrice con: “Sotto accusa” e “Il silenzio degli innocenti”), icona della cinematografia mondiale, al suo ritorno nelle vesti di regista per il grande schermo con a disposizione un budget di appena 30 milioni di dollari. La Foster, dopo quattro anni d’assenze dal suo ultimo film “Mr. Beaver” (The Beaver del 2011), e dalle recenti serie TV “House of Cards” e “Orange Is the New Black” (entrambi del 2014), propone un frenetico thriller d’azione estremamente attuale per la tematica sociale e multimediale trattata, quella sui talk show in cui si consigliano investimenti finanziari, puntando il dito in modo diretto contro la Tv degli imbrogli e delle false illusioni, dando risalto alle possibili conseguenze delle truffe propinate agli utenti attraverso alcune blasfeme trasmissioni. Il film, tratto da una sceneggiatura scritta a più mani da Alan DiFiore, Jim Kouf e Jamie Linder, ci ricorda nel genere e, in parte, nei contenuti, altri titoli come: “Quel pomeriggio di un giorno da cani”, “Inside Man”, “Mad City – Assalto alla notizia” e “Il Negoziatore”.

Money Monster, la trama:

Tutto ha inizio durante una diretta televisiva per la trasmissione “Money Monster”, programma di alto gradimento, dedicato ai facili investimenti e rivolto agli sprovveduti investitori finanziari, condotto da un convincente venditore di sogni, Lee Gates (George Clooney), che in modo provocatorio invita i telespettatori a partecipare rischiando i propri capitali. Mentre Gates esibisce le sue capacità di “venditore di fumo” avviene qualcosa di inaspettato: il giovane Kyle Budweell interpretato da Jack O’Connell (protagonista di “Unbroken” di Angelina Jolie) armato di pistola, si intrufola di soppiatto nella diretta Tv, minacciando di morte il conduttore televisivo preso in ostaggio, a cui fa indossare un giubbotto carico di dinamite, collegato ad un detonatore pronto ad esplodere. La polizia circonda gli studi dell’emittente televisiva e il sequestratore rivela durante la diretta di essere stato truffato dal conduttore e messo in ginocchio economicamente, mentre un pubblico attonito continua a seguire il programma. Kyle vuole ad ogni costo mettere a nudo le verità truffaldine nascoste dietro la trasmissione cercando approvazione dai telespettatori attoniti. La produttrice televisiva Patty Fenn (Julia Roberts) cercherà di aiutare Gates in ogni modo, concedendogli la diretta per tenere sotto controllo la situazione e affinché si faccia luce su una scomoda verità generata da un traffico finanziario illecito.

Tra Lee Gates e il giovane Kyle (ostaggio e sequestratore), non c’è più alcuna differenza, entrambi sono vittime di un sistema corrotto e illusorio, alla ricerca della verità

I truffati sono tanti, mentre i veri truffatori nascondono i loro loschi movimenti finanziari dietro un procacciatore di illusioni, un presentatore televisivo pronto a mettersi in discussione, G. Clooney, altro mostro sacro del cinema da premio Oscar in veste anche di produttore della “Smokehouse Productions”, di nuovo in coppia (dopo dodici anni dall’ultimo set, “Ocean’s Twelve”) con un’insuperabile Julia Roberts. A scatenare in tempo reale un autentico effetto domino sugli illeciti televisivi ci pensa Jack O’Connell, nel ruolo di uno dei tanti truffati, mascherato da terrorista ma in cerca solo di verità e di giustizia, pronto ad immolarsi per la causa di tutti, affinché i telespettatori siano consapevoli dei tranelli e degli inganni nascosti dietro spumeggianti trasmissioni televisive prive di ogni contenuto umano. Foster, per molti aspetti registici e di stile, ha tratto ispirazione da Lina Wertmüller, come da lei stessa dichiarato nel corso di un’intervista: “È stata la prima regista donna che ho conosciuto, faceva questi film assolutamente stupefacenti, belli, pieni di significato e riflessivi, ma anche capricciosi e folli. Erano incentrati su personaggi che sapevano essere umoristici, ma anche capaci di catturare l’inquietudine. Ero una bambina e pensavo….un giorno voglio essere come lei, indossare quei grossi occhiali e vestirmi così”.

Inoltre, nel cast tecnico troviamo Matthew Libatique per la fotografia, mentre tra gli attori figurano Caitriona Balfe, Dominic West, Giancarlo Esposito e Emily Medea. 

Money Monster di J. Foster, in uscita nelle sale italiane il 12 Maggio, è prodotto da “Allegiance Theater”, “Smokehouse Pictures”, “Sony Pictures” e “TriStar Pictures”, e sarà presentato Fuori Concorso per il prossimo “Festival di Cannes” 2016

Print Friendly, PDF & Email