Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Scappa – Get Out, un film di Jordan Peele

Scappa – Get Out è l’ultimo film, uscito nei nostri cinema il 18 maggio, scritto e diretto dall’attore, regista e sceneggiatore statunitense Jordan Peele.

Chris Washington (Daniel Kaluuya) è un giovane fotografo afroamericano fidanzato da qualche mese con Rose Armitage (Allison Williams), caucasica. I due partono per raggiungere la famiglia di lei in modo tale da poter conoscere i suoi genitori, il neurochirurgo Dean (Bradley Whitford) e la psichiatra Missy (Catherine Keener), nonché suo fratello Jeremy (Caleb Landry Jones). Nonostante l’iniziale titubanza di Chris a questo incontro causata dal fatto che i familiari di Rose non sono a conoscenza del suo essere di colore, alimentata dal parere negativo dell’amico Rod (Lil Red Howery), per amore della fidanzata decide di accontentarla. Gli Armitage sembrano accoglierlo con calore e affetto in casa loro ma ben presto il ragazzo – dopo aver realizzato di essere, a eccezione di due domestici dagli strani comportamenti, l’unico nero della zona e dopo essere venuto a contatto con gli amici della famiglia altrettanto singolari – capirà che qualcosa non va come dovrebbe e dovrà fare ricorso a tutte le proprie energie fisiche e psichiche in una cruenta lotta alla sopravvivenza nella quale solo il più forte potrà vincere.

Scappa – Get Out, un mix vincente di generi diversi

Accolto positivamente dalla critica e dal pubblico, Scappa – Get Out è un misto tra il genere horror e il thriller con una vena satirica a fargli da sfondo che lo rende ancora più particolare. Senza calcare troppo la mano sull’aspetto orrorifico, interessanti sono gli approfondimenti puramente psicologici e politici – la satira contenuta nel film è infatti apertamente rivolta all’ipocrita liberalismo statunitense – che conferiscono originalità alla trama. Quest’ultima si concentra molto sul razzismo ancora vigente e vivo nella società americana, accompagnando la riflessione sociale con intensi momenti di pura ansia e tensione, alleggeriti di tanto in tanto da una comicità mirata e niente affatto fuori luogo.

Per essere stata la prima volta dietro la macchina da presa Jordan Peele con la sua opera ha ottenuto un buon risultato di cui andare fiero. La pellicola merita, soprattutto perché impegnata ma non impegnativa e pesante, con una storia che scorre fluida sequenza dopo sequenza senza arrancare o annoiare lo spettatore. A darle manforte sono stati anche gli attori con le loro interpretazioni di valore, le musiche che ben enfatizzano le scene a più alto tasso ansiogeno e le inquadrature mirate, evidentemente frutto di una selezionata fotografia.

Scappa – Get Out è un film riuscito sotto ogni aspetto che potrebbe far cambiare idea ai tanti che hanno ancora paura solo dell’uomo nero, quando piuttosto dovrebbero averne anche del bianco.