Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Pokémon

Sei incredibili curiosità sui Pokémon

I Pokémon ci circondano.
Sono qui, tra noi.
Nei nostri parchi, lungo le nostre strade, sugli alberi, sulle panchine, sul divano in salotto, in frigo accanto all’anguria, in braccio alla nonna, nel piatto di pasta.
I Pokémon sono ovunque.
Questo ci ha insegnato Pokémon Go, questa è la meraviglia che ha creato Niantic con la collaborazione di Game Freak, The Pokémon Company e Nintendo.
Un mondo che ora gira sulla melodia di un pika pika chù, in cui tutti noi, giovani nullafacenti, dal futuro instabile e dalla pigrizia stabile, fedele, permanente, possiamo trovare un motivo nuovo per alzarci dal letto. Una missione suprema è quella che ci ha richiamato alle armi: dobbiamo catturare tutti i Pokémon.
Chi avrà il coraggio di rifiutare un tale compito? Chi diserterà? Non io, non voi.

Terminato questo invito dai toni solenni, passiamo alle sei curiosità  sui Pokémon che forse non sapevi 

Numero 1. Il nome Pokémon significa “pocket Monster”, letteralmente mostri tascabili. Chi non ne vorrebbe uno?
Numero 2. Nell’anno 2000 Uri Geller, noto illusionista e piega-cucchiai col pensiero, fece causa alla Nintendo. L’artista sosteneva di essere stato trasformato in un Pokémon malvagio, poiché le caratteristiche di Kadabra, ossia l’avere poteri sovrannaturali e il girare perennemente con un cucchiaio piegato, costituivano per lui una copia/parodia delle sue capacità illusionistiche. Ovviamente, il caso fu archiviato senza alcun successo per Geller.
Numero 3. Le regioni nel mondo Pokémon sono ispirate ad esistenti regioni giapponesi.
Numero 4.  Nel 2005 alcuni ricercatori hanno scoperto un gene umano responsabile di alcune forme di cancro. Al gene venne dato il nome di ‘Gene Pokémon’. Ovviamente, questo non poteva che portare danni al marchio, così i ricercatori furono denunciati e il nome del gene fu immediatamente cambiato.
Numero 5. 
In passato la PETA, organizzazione a sostegno dei diritti degli animali, iniziò una campagna di boicottaggio dei Pokémon. Ritenevano infatti inumano il trattamento subito da questi ‘animaletti’ costretti a vivere intrappolati in sfere pokè e a combattere per volere e soddisfazione dei padroni. Accusavano quindi i giochi dei Pokèmon di banalizzare una pratica reale, mostrando positivamente ciò che di positivo, per gli animali costretti a vivere in gabbie o a partecipare a crudeli spettacoli circensi, positivo non era affatto.

Numero 6. Nel dicembre del 1997, quando in Giappone venne trasmesso l’episodio ”Eletric Soldier Porygon”, si registrarono 685 casi di crisi epilettiche. La stampa parlò allora di ”Pokémon shock” e le trasmissioni vennero interrotte per alcuni mesi, mentre l’episodio in questione sparì dalla programmazione.

Ma ora basta leggere, spegni il computer, vestiti ed esci di casa. 
I Pokémon ti stanno aspettando.

Print Friendly, PDF & Email