Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Carol Rossetti: cartoline femministe

Carol Rossetti ha 26 anni, è brasiliana ed è una designer e illustratrice. È sempre stata infastidita dal costante tentativo della società di controllare il corpo delle donne ed il loro comportamento, costringendole a slalom quotidiani tra offese e pregiudizi. E così, ecco qui delle cartoline femministe, tradotte in più lingue, che rappresentano più donne, con passioni e caratteristiche particolari. Ne ha messe insieme 15 e ad ognuna ha risposto con una frase di incoraggiamento, che dovrebbe essere di ispirazione per tutte le ragazze che, per colpa dei preconcetti degli altri, rischiano di sentirsi sbagliate. Abbiamo, infatti, Sarah, che si sente non rispettata in un bagno pubblico; Jessica, una ragazza molto magra, che si sente a disagio ogni volta che le ripetono: “Gli uomini amano le curve!”; Rose, che ha deciso di non avere figli  e viene aggredita dai giudizi della gente che non capisce che la sua scelta non la rende meno donna. Ritrae, inoltre, Silvia che continua a portare i capelli bianchi, mentre la gente le consiglia di tingerli in modo da non sembrare vecchia e Whitney che ha speso gli ultimi dieci anni della sua vita cercando di dimagrire per essere felice, per poi capire che il suo corpo non le impediva di fare quello che amava.

Carol Rossetti si cimenta, dunque, nella descrizione del mondo delle donne e delle loro scelte, viste spesso con occhi sospettosi e maligni. Sostiene, però, che queste illustrazioni non sono indirizzate soltanto alle donne, dato che la lotta per l’uguaglianza e per il rispetto è molto più vasta e dovrebbe includere qualsiasi tipo di razzismo. Molte delle situazioni da lei illustrate possono, infatti, essere sperimentare da chiunque, non importa il sesso, l’età o l’etnia.

In questo modo tenta di promuovere una società che riconosca pari diritti a tutti e si prova a contrastare ogni sorta di discriminazione. La scelta di disegnare donne è assolutamente personale, dal momento in cui lei si identifica con le sue cartoline, ma diventa interessante quando gli uomini riescono a ritrovarsi in queste situazioni e dire “È capitato anche a me!”. Il suo progetto di combattere i pregiudizi con dei disegni è molto adatto alla nostra società moderna, così interessata all’apparenza da lasciar perdere la sostanza.

L’unica cosa che Carol Rossetti consiglia alle donne è una sorta di “sorellanza”, un concetto molto bello, anche se molti lo considerano utopistico, anche se, in realtà,  il mondo sarà migliore quando ci criticheremo meno e appoggeremo le nostre sorelle accettandone le diversità. Sarebbe utile ricordare sempre le famose parole di Charlie Chaplin: “Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere cosi come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l’opera finisca senza applausi…”

Carol Rossetti e le donne: cartoline femministe