Seguici e condividi:

Eroica Fenice

natale

Le 5 domande più temute del Natale in famiglia

Finalmente, è Natale.

Freddo, che quest’anno è tardato ad arrivare. Regali sotto l’albero, da scartare a mezzanotte. Buoni propositi per l’anno nuovo, gli stessi ogni anno. Decorazioni che rallegrano l’atmosfera.

Tavole imbandite ricche di prelibatezze. La tipica cena di pesce della vigilia. Struffoli e pastiera, anche se la tradizione napoletana vuole sia un dolce pasquale. Panettone o pandoro, a seconda dei gusti: una faida che si ripropone ogni anno a tavola. E ancora, l’immancabile insalata di rinforzo, che nessuno riesce mai a gustare per bene, già troppo sazio. Tanto si sa, nessuna dieta (r)esiste fino al 6 gennaio.

Ma soprattutto, il Natale è momento di riunione familiare. Che si tratti degli stessi parenti che vedi ogni domenica, o dei cugini oltreoceano, parte della magia del Natale risiede proprio nel ricongiungersi tutti attorno ad immense tavolate. E ogni Natale, tra una portata e l’altra, all’appello non mancano mai le solite domande di rito, le più sgradevoli e moleste che si possano immaginare, quelle domande che rompono l’atmosfera idilliaca post cenone, quelle domande che stanno ad un’allegra tavolata come il gesso stridente sta alla lavagna nell’ora di matematica. Domande da non fare, domande che, forse proprio per questo, si ripropongono ogni anno durante le feste.

Le 5 domande più temute a Natale… e non solo!

E il fidanzatino? E la fidanzatina?

La più classica, la più frequente, nonché più indesiderata da single, zitelle incallite e soggetti riservati. E se finalmente, per rompere il solito schema di ogni anno, hai finalmente qualcosa da raccontare con orgoglio, sia pure un’avventura di due giorni che rompe la tua monotonia di single, veloce come un fulmine arriverà la controdomanda, più molesta della precedente: E quando ti sposi?

Quando ti laurei?

La domanda più temuta dai trentenni fuoricorso, l’unica domanda in grado di far sentire in colpa perfino le matricole, che di esami in arretrato ancora non ne hanno ma già sentono insinuarsi il timore di finire a prendere una triennale in 10 anni, come quell’amico scansafatiche da cui ti vedi mettere in guardia circa quindici volte al giorno.
Realizzi improvvisamente che, mentre tu sei lì seduto a tavola a gozzovigliare, i libri da studiare per l’esame in agguato subito dopo le feste sono sulla scrivania a prendere polvere da una settimana. E non hai ancora finito il programma… Ansia!

Hai trovato lavoro?

Ti sei finalmente laureato o hai scelto di fermarti dopo il diploma? Non sentirti escluso, abbiamo domande moleste anche per te.
Ti si potrebbe chiedere, per esempio, quanto guadagni. Sempre nell’eventualità di una risposta affermativa alla prima domanda. In caso contrario, preparati a ricevere tutto il calore e la compassione della tua famiglia. C’è crisi… Andrà meglio il prossimo anno, vedrai!

E la dieta come va?

Cara zia salutista, non puoi chiedermi una cosa simile dopo il pranzo da 15 portate della nonna, davanti ai dolci!

Cosa fai a Capodanno?

Troppo triste ammettere di passare il capodanno in compagnia di Carlo Conti su Rai 1, dite? Il prossimo che me lo chiede, rischia di non vederlo, il Capodanno.

Buone domande, buone risposte e buone feste a tutti!