Seguici e condividi:

Eroica Fenice

3D

3D: immagina, stampa, crea

La stampa 3D sta monopolizzando, da qualche anno, l’attenzione delle ricerche nel campo informatico, tecnologico e, perfino, medico.

Ecco la vera rivoluzione, con pochi input si è ormai in grado di produrre da sé un qualsiasi oggetto utile o del tutto superfluo, qualsiasi cosa, qualsiasi, e sembra di essere stati magicamente scagliati nel futuro!

«Il signor Simpson suonò alla mia porta […] raggiante, e portava fra le braccia, con l’affetto di una nutrice, una scatola di cartone ondulato. Non perse tempo in convenevoli: – Eccolo, – mi disse trionfante, – è il Mimete: il duplicatore che tutti abbiamo sognato». Il brano è tratto dalle Storie naturali di Primo Levi, siamo negli anni Sessanta e quel duplicatore assomiglia moltissimo alle moderne stampanti 3D, perché duplica un modello. Ma se appena cinquant’anni fa certa tecnologia era presente solo nei racconti di fantascienza, eccoci nel 2014 ad osservare il successo di un percorso che promette un’incredibile rivoluzione.

La stampa 3D non è (più) una costosissima tecnologia inarrivabile. È già alla portata di tutti. Oltre alla presenza sul mercato di modelli che costano molto meno di un iphone!, in Italia, come in tutto il mondo, fioccano e hanno enorme successo i negozi 3D print. Roma, Pescara, Torino, Milano sono solo alcune delle città in cui questi stores sono ormai presenti e frequentatissimi. Luoghi dove poter acquistare stampanti 3D oppure ordinare tramite email l’oggetto da stampare e ritirarlo in negozio: da gadgets di ogni tipo a occhiali personalizzati, fino ad arrivare al proprio selfie. Esatto, la nuova frontiera della moda di questo decennio è diventato uno fra gli oggetti 3D più richiesti. Basta “lasciarsi scannerizzare” e…pronti! Si potrà avere un piccolo selfie da portare ovunque. Non vi sembra abbastanza strano? Allora potete andare su 3ditaly.it, liberare la vostra fantasia e lasciare che la stampa 3D la renda realtà. Il motto è “se lo puoi immaginare lo puoi creare”, più futuristico di così?

E se una parte di voi si lamenta della solita trovata consumistica, si metta di nuovo a sedere perché c’è dell’altro. La stampa 3D sta avendo una fortissima diffusione in campo medico e promette cambiamenti epocali. La possibilità di stampare organi e tessuti ex novo ha rivoluzionato del tutto il concetto di trapianto e si presenta come un incredibile universo di opportunità da cogliere e perfezionare. Si ricorderà che, appena nel marzo scorso, per due bambini curati all’ospedale dell’università del Michigan è stato possibile il trapianto di due bronchi “stampati” che coadiuvassero i loro organi non funzionanti. E questo è solo uno dei numerosissimi esempi delle incredibili frontiere del progresso che questa nuova tecnologia è in grado di raggiungere.

Dovremmo preoccuparci dei suoi usi degenerativi? Non ancora, almeno per il momento ci godiamo gli enormi risultati raggiunti e speriamo di vederne di nuovi, esaltanti e che ci facciano ancora sperare nei progressi della medicina.

3D: immagina, stampa, crea

Print Friendly, PDF & Email