Seguici e condividi:

Eroica Fenice

asmr

ASMR: il relax corre sul web

Keep calm and ASMR. Se a volte ci troviamo ad ascoltare il suono della pioggia, delle onde del mare, del vento tra le foglie, si fa spazio in noi un senso di calma e tranquillità. In particolari situazioni, un suono particolarmente lieve, un fruscio continuo, un tono di voce gentile, basso o sussurrato producono in noi delle sensazioni di relax e benessere che possono essere avvertite anche come sensazioni fisiche come un leggero formicolio dietro la testa o alla schiena proprio perché il nostro corpo in quel momento si sta rilassando.
Ebbene, c’è chi ha pensato che questi fenomeni potessero essere adatti ad una sorta di terapia per combattere l’ansia e l’insonnia o semplicemente per rilassarsi e lasciarsi andare dopo una giornata particolarmente stressante.
E il boom sul web è servito e va sotto il nome di ASMR. Letteralmente ASMR è Autonomous Sensory Meridian Response ed ha dato vita ad una community che diventa sempre più grande: su Youtube sono stati caricati oltre 2 milioni di video durante i quali whisperers (letteralmente “sussurratori”) da tutto il mondo creano video con lo scopo di suscitare “tingles” (cioè sensazioni rilassanti e piacevoli) nello spettatore. Questi video hanno anche format molto differenti: ad esempio, ci sono registrazioni di suoni naturali, rumori di penne su carta, pagine di un libro che vengono sfogliate, passeggiate in mezzo alla natura, oltre che a “giochi di ruolo” in cui i “whisperer” si dedicano allo spettatore stesso, fingendo sedute dal parrucchiere, alla spa o  altre situazione rilassanti con l’obiettivo di suscitare, appunto, uno stato di rilassamento mentale. Per rendere poi i suoni e le sensazioni che ne derivano più “reali”, gli autori di questi video utilizzano dei microfoni “binaurali”, cioè particolari microfoni che registrano i suoni in modo da riprodurli verosimilmente a come lo ascolterebbe l’orecchio umano, effetto che può essere ulteriormente amplificato ascoltando poi con gli auricolari.
Il fenomeno dell’ASMR non ha in realtà fondamenti propriamente scientifici. Molti esperti credono che si tratti di un semplice effetto “placebo”, soprattutto se si considera la sua diffusione via web. Tuttavia, nella comunità scientifica si fa spazio una corrente più possibilista. Ad esempio, il professor Tom Stafford, un esperto di psicologia e delle scienze cognitive dell’Università di Sheffield, fu citato dal The Indipendent in un articolo che trattava gli effetti del ASMR e affermava: “È molto probabile che sia reale, ma attualmente è molto difficile la ricerca. L’esperienza interiore è al centro di una moltitudine di ricerche psicologiche, ma quando ti trovi di fronte a qualcosa del genere che non puoi né vedere né sentire e che non capita a tutti, si finisce in una zona d’ombra.”

Suggestione o realtà?

-ASMR: il relax corre sul web-