Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Garby: tutti i numeri del riciclo intelligente

È proprio da Caserta, dalla tanto calpestata terra dei fuochi, che l’azienda campana Garby lancia una nuova sfida ai tradizionali metodi di riciclo dei rifiuti: il nuovo sistema di recupero rifiuti Eco 24 urban. Questo permette di abbattere i costi dell’attività di recupero e trasporto degli imballaggi riducendo l’emissione di CO2 nell’aria fino all’80% rispetto alla tradizionale filiera di smaltimento e la spesa del portafoglio comunale di circa il 10% aumentando del 10% l’attività di raccolta differenziata della cittadina coinvolta nel progetto.

Il distributore dell’eco point Garby, di cui si occupa un operatore cui va circa l’80% delle vendite dei rifiuti, è offerto in comodato d’uso a comuni, scuole e privati che devono pagare dai 30 ai 50 euro al concessionario per la pubblicità affissa sull’impianto, stampata sullo scontrino e inserita sul sito web. Ma come funziona il sistema di un eco- compattatore targato Garby?

Ogni macchinetta automatica ha una capacità di mille bottiglie di plastica al giorno ed è dotata di tre aperture: una per la plastica trasparente del PET, una per quella colorata e un’altra per l’HDPE (Polietilene ad alta densità) dei flaconi di prodotti cosmetici e le lattine in alluminio. Una volta introdotto il prodotto, la macchina rilascia uno scontrino sul quale è segnato un punto per ogni pezzo inserito. I punti accumulati permettono di ottenere sconti da spendere nelle attività convenzionate, dai supermercati ai benzinai, dall’estetista al ristorante, ai negozi di abbigliamento, che acquisiscono così anche più clienti. In cambio di 50 bottiglie, ad esempio, si ottiene uno sconto di 2 euro su una spesa da 20 euro o una bibita gratis al bar.

Le bottiglie e i contenitori introdotti nella macchinetta, una volta compattati, con un volume ridotto del 20%, vengono portati direttamente all’azienda di trasformazione che dona loro nuova vita: dalle penne alle t- shirt, a nuove bottiglie che ricominciano il giro di uso e riciclo.

Questo innovativo progetto, cui hanno già aderito 40 comuni (di cui 20 in Campania), 50 scuole e 160 supermercati italiani, ha riscosso molto successo non da ultimo a Reggio Calabria con 50.000 conferimenti in un mese. Non da ultimo il comune campano Telese Terme, grazie all’azienda sannita Farenergia di Apice che opera nel campo della green economy e della sostenibilità ambientale, ha istallato il 20 dicembre un distributore Garby presso l’IperSisa sito in via Roma. 

Garby ha, inoltre, promosso una serie di iniziative per sensibilizzare i più giovani alla conoscenza del riciclo come una serie di incontri nelle scuole al termine dei quali sono stati donati loro gadget ottenuti dal riciclo di plastica e alluminio. 

Recentissima la collaborazione con la nota azienda petrolifera Q8 con la quale Garby centra ancora una volta il bersaglio: fino al 31 dicembre 2014 nelle stazioni di servizio Q8easy aderenti, se si riciclavano 10 bottiglie e lattine si riceveva subito 80 centesimi di sconto per un rifornimento superiore a 40 euro. Così come dice lo slogan Garby “parti per un mondo migliore”.

Chiunque voglia aderire a questo progetto con la propria attività commerciale o coinvolgendo il proprio comune può richiedere uno degli eco-cassonetti gratuiti compilando il modulo sul sito dell’azienda dal quale è possibile scaricare anche la mappa con tutti gli eco-point presenti sul territorio nazionale con le relative attività commerciali convenzionate.

Un avanguardistico progetto di riciclo a chilometro zero che porta con sé la consapevolezza che, solo attraverso l’informazione e la collaborazione tra comuni e cittadini, è possibile rendere più pulita la terra che ci ospita e trasformare i rifiuti in risorse.

Garby: tutti i numeri del riciclo intelligente