Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Occultismo, Illuminati e messaggi subliminali. Ipotesi del successo di Gangnam Style

Un miliardo e mezzo di visualizzazioni, milioni di euro incassati, merchandising, ospitate nei programmi di tutto il mondo. Il coreano Psy con una sola canzone ha scalato e raggiunto trionfante le vette più alte del successo. Nessuno prima di lui era riuscito in un’impresa di tale portata.

Come diavolo ha fatto?, si chiedono in molti. La non semplice risposta ha generato dubbi, polemiche e studi anche di una certa rilevanza sul fenomeno “GANGNAM STYLE”. Esemplare è stato quello di William Leroy, esperto di Nostradamus, il quale aveva, nei mesi scorsi, collegato la hit del momento alla profezia Maya. Nello specifico “il rapper balla imitando la cavalcata di un equino, ripetendo i movimenti in posizioni e luoghi diversi. La danza del cavallo, il “calmo mattino”, che è il significato proveniente dal termine “Korea”, terra d’origine di PSY, e i nove cerchi allineati di cui parlava Nostradamus e che coincidono con il momento in cui il video di Gangnam Style sarà visto un miliardo di volte, sono tutti elementi che confermano la profezia.” Ovviamente ciò non è accaduto e sia i Maya che lo studioso hanno perso in fascino e credibilità. Torniamo a “Gangnam Style” e al suo incredibile successo.
Il punto che mette d’accordo tutte le teorie è che questo “tormentone”, per quanto orecchiabile, non è certo di notevole fattura e deve molto, se non tutto, alla diffusione virale del suo video con annesso demenziale balletto. Ma proprio la visione di questo clip non ha fatto altro che incentivare nuovi interrogativi, aprendo addirittura scenari sul mondo dell’occulto e degli illuminati.
Tralasciando le pseudo rivelazioni sulla massoneria che ogni settimana Daniele Bossari e Co ci propinano a Mistero, è fuori discussione che alcuni potenti gruppi di persone, ogni giorno, influenzino le nostre scelte e i nostri pensieri tramite pubblicità, film e musica. A questo proposito è interessante il video che troverete a fine pagina nel quale l’utente “CocktaiLMolotovX” fornisce una particolare lettura dell’ambiguo cortometraggio del rapper di Seul. Una lettura che diventa accusa di istigazione alla pornografia, pedofilia, zoofilia e a pratiche immorali. La prima scena incriminata è quella iniziale in cui il coreano sembra ricevere sesso orale. La successiva, ambientata in un maneggio, invece, è costruita in modo malizioso, quasi a sottintendere pratiche con gli animali. E così via, passando da strani comportamenti in presenza di un bambino alla rappresentazione esasperata del bukakke. Non mancano rimandi al satanismo (ascoltando la canzone al contrario si udirebbero frasi rivolte all’angelo del male) e a gestualità che ricordano i simboli degli illuminati. Questi ultimi, secondo l’autore dell’inchiesta, avrebbero spinto la canzone ai livelli inauditi a cui è arrivata. Un miliardo e mezzo di visualizzazioni, milioni di euro incassati, merchandising, ospitate nei programmi di tutto il mondo, appunto.
Semplice gelosia o fenomeno sociologico di rilievo? Losco disegno o incredibile casualità? Il dubbio rimane.

Print Friendly, PDF & Email