Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Il nuovo selfie è #aftersex

Il selfie #aftersex è l’ultima non meno scabrosa novità del web.
Dalla mania di nutrire la nostra fame virtuale e fotografare tutto ciò che ingurgitiamo a pranzo piuttosto che godercelo
, si passa direttamente agli autoscatti aftersex col proprio partner, vale a dire, per chi fosse ancora scettico e non ci credesse, un selfie scattato dopo aver fatto sesso nell’intimità delle proprie lenzuola. 

Che le nuove tecnologie stiano infettando la nostra quotidianità e invadendo sempre più la nostra privacy è cosa accertata, anche l’American Psycological Association, ente di riferimento internazionale per gli psicologi, sostiene che gli autoscatti con cui siamo costantemente bombardati sui social network siano legati ad un disturbo che rivela profonde insicurezze e gravi carenze di autostima. Gli studiosi definiscono questa patologia “Selfite”, individuando negli amanti del selfie un bisogno ossessivo compulsivo di scattarsi foto continuamente. L’APA, inoltre, ha creato una scala che consente di graduare la gravità del disturbo: “borderline”, acuta e cronica.

In questo modo gli attuali #aftersex, definibili come l’evoluzione naturale del selfie, non rappresentano altro che un modo per ammettere pubblicamente tanto l’ insicurezza insita in noi stessi quanto il bisogno intimo di visibilità e certezza, anche da un mondo fasullo come quello virtuale.
Gli autoscatti che finiscono sui social network sono quindi una personale ed intima forma d’espressione, attraverso la quale è semplice cadere in un burrascoso circolo vizioso. Dunque, per fugare conseguenze terapeutiche evitiamo bombardamenti inutili e concentriamoci nel migliorare quanto più possibile queste risorse di cui siamo in possesso, facendo dell’era del digitale un mezzo creativo col quale comunicare e progredire in meglio.

Sfidiamo la creatività intelligente, abbattiamo le barriere della nostra mente piuttosto che quelle del pudore o dell’inutilità, o quantomeno non limitiamoci al solo esibizionismo, perchè di questo si tratta: “un niente, vuoto, come un soffio di vento che si chiama, semplicemente esibizionismo“; con queste parole la Litizzetto, durante un intervento radiofonico, si è espressa commentando questa nuova “maniacale attività”, che ci spinge ad essere particolarmente boriosi ed a rendere pubblico, per ragioni puramente estetiche, anche il momento più intimo e privato.

-Il nuovo Selfie é #aftersex – Eroica Fenice-