Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Io Ti Maledico

Io Ti Maledico: intervista alla Civetta del Web

“Io ti Maledico, si’ ‘na ciucciuettola!”

“Non gufare!!”

“Mitt l’ uocchj ‘nguoll!!!”

Sì, viviamo nel 2014, ma chi non ha mai detto una cosa del genere?

E non è superstizione: Io ti maledico sarà anche la civetta più cattiva del Web, ma di certo ci libera di un peso quando dice quello che tutti noi vorremmo, ma non abbiamo il coraggio, dire.

Per questo enorme merito abbiamo intervistato la star pennuta e “occhiuta” di Io Ti Maledico, notissima pagina Facebook nata il 3 Dicembre dello scorso anno che ha fatto della maledizione il tratto unico e distintivo:

Chi è la civetta di Io ti Maledico? Un ritratto…

Si chiama Tiè, è la mascotte di ITM ed è, a tutti gli effetti, diventata quasi un alter ego. Con quegli occhioni innocenti non ti aspetteresti mai ciò che è in grado di pensare, vero?

Come nasce questa idea dissacrante e insieme liberatoria?

Beh, non è stato molto difficile: l’Italia ne ha bisogno e prima o poi un fenomeno del genere sarebbe esploso. Che sia stato io a dargli voce, è solo una fortunata coincidenza.
Il nostro paese è, anche dal punto di vista della comicità, in coma farmacologico: costantemente sedati da buffoni macchiettisti. I nostri “comici” sono impantanati da più di 20 anni in una comicità sterile, fatta di schiaffi, rutti, noiosi tormentoni ed equivoci.
Si dimentica, così, che il comico non è un pagliaccio. Il comico dovrebbe incarnare e dissacrare lo spirito del tempo.

Cosa ispira le maledizioni a Io Ti Maledico?

Boh… Gesù? Quando non sai che dire, è sempre la risposta migliore. “È questa l’ora di tornare!? Con chi sei stato?…”

Ti aspettavi tutto questo successo?

Più che aspettarmelo, lo supponevo. Onestamente il progetto mi ha da sempre convinto e sapevo che c’erano buone possibilità che esplodesse.

Una cosa particolare che vuoi raccontarmi in merito all’avventura di Io Ti Maledico:

Quando ero piccolo fui morso da un Gufo. Questo mi ha donato il potere di scrivere battute dissacranti. E di andare a caccia di piccoli roditori le notti di luna piena.

Dedicheresti una maledizione a Eroica Fenice da uccello a uccello?

Ti auguro di rinascere dalle ceneri. Però quelle del termovalorizzatore di Acerra.

-Io Ti Maledico: intervista alla Civetta del Web – Eroica Fenice-

Print Friendly, PDF & Email