Seguici e condividi:

Eroica Fenice

‘La poltrona’ di Letizia Vicidomini

Letizia Vicidomini, originaria di Nocera Inferiore, ha lavorato come speaker nelle maggiori radio campane come Kiss Kiss e Rtl 102.5. La poltrona di seta rossa è un romanzo che ha pubblicato nel 2014 per la casa editrice Homo scrivens. Letizia Vicidomini è venuta al Caffè Letterario Nuovevoci di Torre Annunziata il 13 Marzo 2015 a presentare il suo libro e a fare due chiacchiere con i padroni di casa del Caffè.

Si tratta di un libro dalla grande atmosfera che avvolge e che trascina sin dalla prima pagina.

«É ora nonna». La voce di Angel è dolce, accorata, piena di affetto per quella donna tanto amata che, oggi, compie un secolo di vita. Cento anni di vita vissuti intensamente, intessuti di dolore, passione, tenerezza, odio e rancore in misura variabile. Anni d’oro, di piombo, di glassa e di veleno, anni di amaro in bocca e di miele sulle labbra. In ogni caso, anni indimenticabili.

La poltrona di seta rossa è una saga familiare che ci viene raccontata attraverso il punto di vista di Ernestina, la capostipite della famiglia, giunta a un secolo di vita. É proprio da quella poltrona rossa che Ernestina impartisce ordini, accoglie segreti e confidenze. Insomma, ha vissuto. La poltrona di seta rossa rappresenta per la protagonista una sorta di luogo del cuore. Esiste anche per Letizia Vicidomini una poltrona di seta rossa?

Negli ultimi anni la mia poltrona di seta rossa è stata il computer. É davanti al pc che le cose che voglio fare, a cui tengo e in cui credo, prendono forma.

Perché ha scelto Sorrento, insieme a Napoli, come luogo di ambientazione del romanzo?

Sorrento ha un fascino decadente: non è troppo moderna, conserva un non so che di antico. É come una vecchia signora rassicurante.

Un filone del libro è ambientato a Torre Annunziata. Come l’è venuta in mente questa fornace di calce?

I miei suoceri avevano una fornace di calce a Torre. Spesso ciò che hai immagazzinato di racconti e ricordi improvvisamente viene fuori.

Una delle figure che spicca all’interno del romanzo è Angel, nipote prediletto di Ernestina. Tra l’altro questo personaggio era stato il protagonista di un altro suo romanzo del 2007: ‘Angel’. Come mai tutta quest’attenzione riservata al personaggio?

Angel è un personaggio dalle molteplici sfaccettature: ha i piedi ben piantati per terra ma la testa tra le nuvole. É un traghettatore di destini perché è in grado di aiutare le persone che gli stanno intorno.

La poltrona di seta rossa è un romanzo che coinvolge e che sa parlare a tutti indistintamente: in esso si intrecciano la piccola storia di Ernestina e di altre figure femminili, energiche e piene di risorse, e la grande storia d’Italia, che sfiora e sconvolge la loro vita.

-‘La poltrona’ di Letizia Vicidomini-

Print Friendly, PDF & Email