Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Sergio Cammariere, un artista d'altri tempi

Sergio Cammariere, un artista d’altri tempi

E volando, superando monti

verso cieli bianchi di libertà.

E volando finchè tutto il mondo

solamente un punto sembrerà 

e ora cosa non farò per amare

cosa non farò per te

tu sola sei l’amore

tu sola sei per me.

Eleganti affreschi al soffitto e luci soffuse. Un uomo in giacca e un pianoforte. Elementi che basterebbero a rendere affascinante una serata qualunque. Se poi quell’uomo è Sergio Cammariere, la poesia è inevitabile.

Un cantautore d’altri tempi, un musicista prima ancora che un cantante, che con le sue mani mosse con maestria sui tasti bianchi e neri a ritmo di jazz e sound americani, è eleganza e seduzione. Lui che con le sue parole scandaglia il senso dell’amore, con una profondità tanto sensuale quanto disarmante, così rara in un mondo assuefatto alla superficialità.

La sua musica d’autore si presenta come un viaggio coinvolgente nelle sonorità più raffinate e intense in cui l’artista esprime una forte personalità, tra canzoni e momenti intimi di pianoforte solo, e un’anima jazz che che da sempre è l’impronta riconoscibile di ogni sua composizione.

Sergio Cammariere, un concentrato di stile ed eleganza al MANN

Ieri, nel salone della Meridiana del Museo Archeologico di Napoli, in occasione del Festival MANN, che si terrà fino al 25 aprile, accompagnato dalla storica band, Sergio Cammariere ha proposto i brani più amati del suo repertorio, insieme a quelli del suo recente cd in cui trovano spazio nuove esaltanti creazioni, frutto di una ricerca musicale in continua evoluzione.

Come in ogni suo concerto, anche stavolta è emerso il calore del grande pianista, la finezza degli arrangiamenti , le sue improvvisazioni estrose e libere e una grande sensualità che pervade ogni nota, rendendolo uno degli artisti più interessanti e affascinanti del panorama musicale italiana.

Festival MANN, Muse al Museo

Voce e piano Sergio Cammariere

Batteria Amedeo Ariano

C.basso Luca Bulgarelli

Percussioni Bruno Marcozzi

Sax Daniele Tittarelli

Print Friendly, PDF & Email