Seguici e condividi:

Eroica Fenice

amor

Amor che ne la mente mi ragiona: mostra in biblioteca

Amor che ne la mente mi ragiona. Storie d’amore nei secoli è il titolo di una mostra bibliografica documentaria ed iconografica allestita nella Sala delle Esposizioni della Biblioteca Nazionale di Napoli dal 14 febbraio al 28 dello stesso mese, che offre, in un percorso letterario e culturale, le sfumature del tema dell’amore nel suo mostrarsi sia spirituale che voluttuoso. L’allestimento mostra al visitatore uno scorcio di queste declinazioni amorose attraverso alti esempi di letteratura italiana, tra cui manoscritti ed opere a stampa, incunaboli e preziose edizioni settecentesche, di opere quali la Commedia di Dante Alighieri, i Trionfi di Francesco Petrarca, il Decameron di Giovanni Boccaccio, lo Orlando furioso di Ludovico Ariosto, la Gerusalemme liberata di Torquato Tasso.

Riguardo le incisioni, poi, è possibile ammirare quelle raffiguranti le sculture Amore e Psiche e Marte e Venere di Antonio Canova e le illustrazioni tratte dal V canto della I cantica della Commedia raffiguranti Paolo Malatesta e Francesca da Rimini, ed anche la raffigurazione di Cupido nell’opera Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna nell’edizione incunabola del 1499. Non mancano esempi di letteratura straniera, come il Don Quixote de la Mancha, di Miguel de Cervantes Saavedra, e le illustrazioni relative all’idealizzato amore del protagonista verso Dulcinea, señora de sus pensamientos. Poi ancora, sono presenti nella mostra edizioni delle opere teatrali di Pietro Metastasio e di Carlo Goldoni e di Ranieri de’ Calzabrigi con l’opera Orfeo ed Euridice musicata da Christoph Gluck, il cui spartito è anch’esso esposto nella mostra. Sono presenti, inoltre, esempi della cultura napoletana ottocentesca, esemplificate nella produzione musicale e poetica amorosa, si pensi alle liriche di Salvatore Di Giacomo, di cui è esposta nella mostra, una sua lettera autografa per la sua amata Elisa Avigliano.

Sono presenti, inoltre, immagini di alcune coppie teatrali e cinematografiche del cinema muto e non mancano opere della letteratura latina, come l’Eneide e l’Ars amandi di Ovidio. La mostra, dunque, si propone come un ideale sentiero che lo spettatore studioso percorre e che, attraverso la cultura, spiega lo stretto rapporto  tra la fiamma eterna dell’amore e la passione delle lettere, intese queste non come letteratura in senso stretto ma come spirito umanistico intrinseco naturalmente all’uomo.

– Mostra Amor che ne la mente mi ragiona –

Print Friendly, PDF & Email