Seguici e condividi:

Eroica Fenice

casoria commons

Casoria Commons in bicicletta per i beni comuni

Una prima tappa di un percorso che mira alla creazione della categoria giuridica di “bene comune“, in modo da tutelarlo dalle speculazioni. 

Domani, 9 aprile, dalle 10.00 alle 12.00, la rete Casoria Commons aprirà una biciclettata attraverso gli ecomostri e i beni comuni della città, proponendosi come un osservatorio autogestito di tutti i beni in disuso sui territori comunali.

Abitanti di Casoria, della città di Napoli, collettivi e associazioni che hanno deciso di riunirsi attraverso un percorso di rinascita e sensibilizzazione verso il nostro territorio, spesso in disuso.

Un laboratorio permanente di progettazione urbana partecipata, un osservatorio ambientale e l’organizzazione di eventi e iniziative per vivere appieno la nostra città: questi gli obiettivi principali della rete Casoria Commons.

Casoria Commons, una pedalata per una causa collettiva

L’evento partirà da Piazza Cirillo e si concluderà nel verde liberato di Terranostra (ex deposito militare occupato), sito in Via Boccaccio al civico 36.

Prima esperienza, al di fuori del comune di Napoli, promotore di A Napoli il bene è comune, campagna promossa dall’Assessorato al diritto alla città, alle politiche urbane, al paesaggio e ai beni comuni per raccontare e far conoscere l’esperienza dei Beni Comuni, intrapresa dall’Amministrazione De Magistris, insieme alle diverse realtà che animano la vita politica cittadina.

Il Comune di Napoli, prima città in Italia ad aver istituito un Assessorato ai Beni Comuni per dare forza al tema delle forme d’uso del patrimonio ad interesse collettivo. Nel 2011, infatti, è stato modificato lo statuto comunale ed è stata introdotta, tra le finalità e i valori fondamentali della città di Napoli, la categoria giuridica del “bene comune”.

Troppo spesso ci catapultiamo, senza troppe consapevolezze, negli stessi luoghi, quando potremmo alzare gli occhi ed osservare realtà più recondite che avrebbero solo bisogno di essere calpestate per continuare a respirare l’aria di casa loro.

La causa è giusta, il meteo promette sole, prendete la bicicletta e…pedalate!

Print Friendly, PDF & Email