Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Letteratura e teatro digitali a Futuro Remoto

Letteratura e teatro digitali è il titolo di una dimostrazione presentata nell’ambito della XXIX edizione della manifestazione Futuro Remoto.

All’interno del padiglione Segni simboli e segnali, uno spazio è stato allestito a cura del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e del Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia. Lo spazio Letteratura e teatro digitali è stato dedicato soprattutto alla descrizione di due progetti: Carte d’autore online, coordinato per l’unità locale di Napoli dal prof. Pasquale Sabbatino, e Biblioteca digitale sulla camorra e la cultura della legalità, ideato e diretto dallo stesso prof. Sabbatino.

Il primo progetto, per la cui realizzazione sono state coinvolte diverse università italiane, consiste nella digitalizzazione di molti fondi archivistici relativi alla letteratura ed al teatro moderni, in accordo con l’Archivio di Stato di Napoli, con l’Istituto Campano per la Storia della Resistenza e con gli Archivi Privati Eduardo e Vincenzo Scarpetta: si pensi, a tal proposito, tra i vari fondi, a quelli relativi alla figura sia personale che artistica di Anna Maria Ortese, al Fondo Bracco-Del Vecchio, ed ai fondi relativi alle famiglie Scarpetta e De Filippo. Su Carte d’autore online è possibile trovare documenti relativi, quindi, non soltanto alla vita letteraria ed artistica degli autori a cui sono dedicati i fondi, ma soprattutto carteggi privati, come scambi epistolari, frammenti, ed appunti che contribuiscono a far sì che si possa delineare un più completo quadro della personalità degli autori.

Il secondo progetto invece, è relativo ai testi teatrali e letterari che trattano il modo di svilupparsi ed affermarsi del fenomeno della camorra, visto dagli occhi delle personalità di spicco della letteratura dell’Ottocento e del Novecento. Il progetto Biblioteca digitale sulla camorra e la cultura della legalità si arricchisce, inoltre, di percorsi linguistici, dizionari musicali e cinematografici al fine di comprendere ed analizzare il fenomeno, promuovendo una sensibilizzazione che porti ad ipotizzare un reale superamento. Tra gli autori di cui è possibile visualizzare e consultare le opere in cui è affrontato questo tema vi sono, tra i tanti, Salvatore Di Giacomo, Libero Bovio e Raffaele Viviani per quanto riguarda gli autori ottocenteschi; mentre tra quelli novecenteschi vi sono, ad esempio, Giuseppe Patroni Griffi, Fortunato Calvino, Peppe Lanzetta e Roberto Russo.

Lo scopo principale di questi progetti è quello di far sì che anche la città di Napoli abbia un luogo di facile accesso alla grande quantità di materiale raccolto, consultabile in maniera gratuita e quindi fruibile a chiunque voglia documentarsi e conoscere.

Salvatore Di Marzo