Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Montagskino: il cinema tedesco al Modernissimo

Giunge alla sua quinta edizione il Montagskino, l’iniziativa promossa dal Goethe Insistut di Napoli che unisce la passione per il cinema a quella per la lingua e la cultura tedesca. Lunedì 2 marzo si è aperta infatti la rassegna cinematografica al cinema Modernissimo che proietterà fino al 27 aprile film in lingua tedesca con sottotitoli in italiano ogni lunedì alle 18,30.

Il cineforum, in collaborazione con Stella Film, vede quest’anno la partecipazione della Scuola di cinema Pigrecoemme: tutti i film saranno quindi introdotti da una breve presentazione critica a cura dei docenti e degli studenti della scuola.

Al centro di questa edizione del Montagskino vi sono tre film della Berlinale 2013/2014: “Zeit der Kannibalen” (L’era dei cannibali) di Johannes Naber racconta lo spietato mondo della Global Economy che risulta lo specchio di una cinica società ormai svuotata di valori e in cui dominano indifferenza, avidità e nevrosi; “Das merkwürdige Kätzchen” (Lo strano gattino) del regista emergente svizzero Ramon Zürcher, un film che mette in scena, in una maniera sperimentale e surreale, un pranzo familiare tra elementi fiabeschi e quotidiani mentre il gatto e il cane di casa girano per le stanze; “Zwischen Welten” (Inbetween worlds) di Feo Aladag che, attraverso l’incontro tra un soldato tedesco in Afghanistan e il suo interprete, pone in risalto il tema dell’estraneità e della vicinanza, della fiducia e del fallimento.

Nella commediaHotel Lux” di Leander Haußmann (Sonnenallee) il protagonista è un attore comico noto per le sue parodie di Hitler che, una volta fuggito in Russia, si trova coinvolto in pericolosi  e rocaboleschi intrighi legati al governo di Stalin.

In “Finsterworld la regista Frauke Finsterwalder  rappresenta, in una Germania che sembra stranamente fuori dal tempo, un mondo solo superficialmente idilliaco che nasconde invece terribili storie. “Una commedia cattiva, nera, saritica ma anche  incredibilmente comica”  [kinozeit.de]

Il regista Marc Rothemund ( Sophie Scholl – Die letzten Tage; Mann tut was Mann kann) racconta in “Heute bin ich blond”, in una maniera ironica e delicata, la storia vera di una giovane studentessa la cui vita è stata sconvolta da un cancro. Sophie, che non ha tuttavia nessuna intenzione di rinunciare alla sua vita, decide allora di indossare, a seconda del suo umore, nove parrucche differenti e interpretare le tante donne che il suo animo racchiude.

Il Montagskino si concluderà il 27 aprile con la proiezione di  “Phoenix” (Il segreto del suo volto) di Christian Petzold (Barbara). Nina Hoss interpreta in questo film  l ruolo dell’ebrea Nelly che, sopravvissuta agli orrori di Auschwitz, ritorna a casa, ma il rientro nella vecchia vita di sempre non sarà possibile. Dopo un’intervento di chirungia plastica al volto gravemente ferito la donna, infatti, si mette alla ricerca del marito Johnny il quale non la riconosce.

Il Montagskino rappresenta un’ottima iniziativa per coniugare l’interesse per il cinema tedesco e lo studio della lingua tedesca. L’ingresso costa 4 euro ed è gratuito per i possessori della Goethe-Card.

Ecco il calendario: 

9/3 Zeit der Kannibalen di Johannes Naber (2013)

16/3 Hotel Lux di  Leader Haußmann  (2011)

23/3 Finsterworld di Frauke Finsterwalder (2013)

30/3 Dar merkwürdige Kätzchen di Ramon Zürcher (2013)

13/4 Zwischen Welten di Feo Aladag (2014)

20/4 Heute bin ich blond di Marc Rothemund (2013)

27/4 Phoenix di Christian Petzold (2014)

Viola Castaldo

 – Montagskino: il cinema tedesco al Modernissimo –