Seguici e condividi:

Eroica Fenice

rigiochiamo

Rigiochiamo alla scoperta della creatività

Sono le ore 10:00 alla scuola media G. Pascoli di Torre Annunziata il Caffè Letterario Nuove Voci propone un progetto culturale che volge lo sguardo ai ragazzi. Rigiochiamo. Si comincia dall’Auditorium della scuola; mentre scrivo mi dà letteralmente la sveglia Andrea Palmieri, presidente del Caffè Letterario, infatti, improvvisamente squilla uno jingle di apertura e…mi portano via la sedia! “Oggi ci incontriamo e sorridiamo. Per recuperare qualcosa che si è perso: la manualità ma in primis il sorriso” e così, mi ritrovo seduta per terra, a gambe incrociate, in mezzo a ragazzine urlanti ma disciplinati. Troppi tablets, troppa playstation: “Chi ha il telefono in tasca?”. Tutti, tranne me. Troppa multimedialità, la sfida è: non toccare il cellulare fino alle 18:00. Il presidente si presenta come un perfetto Peter Pan un po’ cresciuto che è in perfetta sintonia con i ragazzi svegli ed ironici al punto giusto. C’è improvvisamente un po’ di disordine quando entra nell’auditorium una nuova classe di studenti. Cosa impariamo stamattina? Semplice: che la parola “amici” su Facebook troppo spesso non corrisponde alla relazione “amico”.

È arrivato il momento di giocare con le parole, la carta e i burattini: alle 11:30 si dà il via ai diversi laboratori.

La professoressa Paola Ariano cominciava negli anni ’80 alla Pascoli proprio un’esperienza di Teatro Sperimentale con i suoi allievi, Roberta De Domenico, sua allieva, stamattina ha trasmesso quella passione e le sue conoscenze ai ragazzi grazie ad una graziosa valigia dalla quale escono meravigliosi ritagli di cartoncini colorati. Patrizia Grimaldi organizza, invece, un tavolo di lavoro per lavorare con la carta e suoi simili, infatti, bisogna comporre dei gufetti ricavati dalla plastica molto simile a quella dei tappetini del mouse grazie al ritaglio perfetto (che si ottiene grazie ad uno strumento molto semplice, la big shot), si ritagliano ancora i vari componenti e si fissano tutti con la colla a caldo. Il laboratorio di inglese è proposto da Ellice e Beth perchè anche con le parole è possibile divertirsi. La risposta dei ragazzi è stata eccezionale, numerose sono state le idee che sono arrivate spontanee e numerose.

Nel pomeriggio la manifestazione Rigiochiamo si è spostata nella villa comunale unica per scoprire e provare numerosi giochi del passato e del presente, come il gioco dell’oca a dimensione umana, bigliardini, hockey da tavolo, trampoli, e carrelli su rotaia, oltre a tanto altro. I ragazzi presenti hanno così avuto l’occasione di imparare che il divertimento non per forza deriva dai videogiochi, ma anche qualche ora all’aperto può essere più che interessante. All’interno della manifestazione rientra anche lo spettacolo messo in scena dagli alunni della scuola media “G.Pascoli”: “Non siamo diversi: io e te contro il femminicidio, il bullismo e l’omofobia”, un invito alla cittadinanza a riflettere e a intervenire su queste tematiche delicate. Nel vicino Lido Eldorado si è svolto il seminario “Il tiro alla fune” tra genitori e figli: come sopravvivere alla loro adolescenza, incontro di alcuni genitori con la Dottoressa Serena Amura, psicoterapeuta, per discutere delle problematiche legate all’adolescenza e su come superarle. Erano presenti alla manifestazione anche alunni dell’IIS “Marconi-Galilei” (settore perito elettrotecnico), per mostrare ai ragazzi più piccoli le attività che svolgono, e sempre a questo scopo stasera ci sarà la sfilata degli abiti realizzati dalle alunne del settore “Produzioni Tessili Sartoriali”. Chiuderà la serata il corpo di ballo della scuola media “V. Alfieri”.

Questa giornata ha dato occasione alla cittadinanza, e soprattutto ai più giovani, di rilassarsi e divertirsi, come hanno dimostrato le facce impagabili di coloro che provavano a camminare sui trampoli per la prima volta, ma è stata anche un invito a riflettere su temi importanti come la discriminazione e i problemi legati alla crescita.

Carla Menale
Francesco Di Nucci

-Rigiochiamo alla scoperta della creatività-

[custom_author=Francesco Di Nucci]

Print Friendly, PDF & Email