Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Cisti endometriosica, un disturbo femminile da conoscere e gestire

Cisti endometriosica, un disturbo femminile da conoscere e gestire

Il mese di marzo, che tradizionalmente omaggia la donna, è anche rivolto alla più diffusa consapevolezza, prevenzione e cura di un disturbo femminile alquanto diffuso, ovvero l’endometriosi. Difatti, dopo l’istituzione della prima Giornata Mondiale dell’Endometriosi nel marzo 2014, promossa su impulso di un progetto sorto negli Stati Uniti, si è resa consuetudinaria, per le associazioni relative alla malattia in oltre 50 capitali mondiali, incrementare nel mese di marzo le iniziative volte a una più capillare conoscenza e informazioni riguardo a tale patologia femminile.

Anche l’Italia ha aderito alla Million Woman March for Endometriosis e quest’anno l’incontro si è svolto lo scorso 19 marzo a Roma; nell’arco di questo mese si sono susseguiti molteplici eventi, curati dalle volontarie dell’A.P.E. Onlus, in primis la Settimana Europea della Consapevolezza dell’Endometriosi, giunta nel 2018 alla sua dodicesima edizione. Sarebbe bene, dunque, avere un quadro più chiaro di questo disturbo e approfittare dell’interesse rivolto questo mese per dedicarsi maggiore spazio per eventuali controlli ed esami di approfondimento.

Che cos’è l’endometriosi e quali sono i fattori di rischio 

L’endometriosi o malattia endometriosica è una condizione cronica caratterizzata dalla presenza anomala del tessuto che ricopre la parete interna dell’utero, chiamato appunto endometrio, in sedi in cui quest’ultimo non dovrebbe normalmente trovarsi, ovvero al di fuori dell’utero. Durante l’arco del ciclo mestruale, l’endometrio ectopico subisce, a opera degli estrogeni prodotti dall’ovaio, le stesse modificazioni dell’endometrio uterino, dunque il tessuto installatosi in sede anomala può produrre un sanguinamento interno: ciò, dando luogo a cisti, infiammazioni croniche degli organi, tessuto cicatriziale, aderenze e talvolta infertilità, rappresenta la causa dei sintomi e dei segni clinici che contraddistinguono la patologia.

L’endometriosi può colpire donne di qualsiasi età; tuttavia, dimostra di avere una particolare predilezione per i soggetti femminili in età fertile tra i 30 e i 40 anni. Essa, inoltre, rappresenta una delle cause più comuni di dolore cronico pelvico femminile: di conseguenza, l’infiammazione dei tessuti interessati dalla patologia può incidere fastidiosamente sulla qualità di vita della donna, giacché il dolore correlato invalida lo svolgimento delle attività quotidiane, i rapporti interpersonali e di coppia. Purtroppo, frequentemente tali dolori possono essere scorrettamente associati alla sindrome del colon irritabile o a stress: proprio per questo è indispensabile una diagnosi tempestiva. Tuttavia, l’endometriosi resta ancora oggi in gran parte poco conosciuta, nonostante il grande interesse clinico che suscita e la sua elevata incidenza: secondo le più attendibili ricerche statistiche effettuate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, il numero di donne affette da malattia endometriosica rappresenterebbe il 6-10% della popolazione generale di sesso femminile, per un totale di circa 3 milioni di donne affette in Italia, di circa 14 milioni in Unione Europea e di circa 150 milioni in tutto il mondo. Secondo gli esperti, costituiscono fattori di rischio l’assenza di gravidanze, il menarca in età precoce, la menopausa in età molto avanzata, i cicli mestruali brevi, gli alti livelli di estrogeni, il consumo ingente di alcool e la presenza di anomalie uterine.

Consigli di stile di vita sano per alleviare i sintomi della cisti endometriosica 

Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e far conoscere maggiormente questa patologia, in tutto il mondo durante il mese di marzo si organizzano manifestazioni e incontri al riguardo; nel 2005 la EEA, European Endometriosis Alliance, un organismo che raccoglie tra i suoi fondatori le associazioni di 11 paesi europei, ha istituito una settimana europea dedicata alla consapevolezza della malattia, l’Awareness Week, quest’anno dal 7 al 13 marzo, nella quale annualmente si svolgono iniziative gratuite al fine di imparare a riconoscere e gestire questa malattia invalidante, di difficile approccio diagnostico e terapeutico. Tra i suggerimenti quotidiani in grado di fornire sollievo ai fastidiosi sintomi, è consigliabile evitare carne e latticini, che possono contenere inquinanti ambientali e favorire i processi infiammatori, praticare una dieta ricca di fibre e cibi ricchi di omega 3 e condurre uno stile di vita più sano, rilassato e meno stressante, che comprenda esercizi dei muscoli del pavimento pelvico, yoga, stretching e nuoto. 

Print Friendly, PDF & Email