Seguici e condividi:

Eroica Fenice

EnnEffEnne – Nuovo Foyer Napoletano

La storia dell’associazione EnnEffEnne risale a circa cinque anni fa quando un gruppo di giovani amici, accomunati dalla passione per il teatro e la musica, decidono quasi per scherzo, con il solo intento di passare il tempo insieme, di provare a mettere in scena uno spettacolo, “Aggiungi un posto a tavola”.

In seguito al successo ottenuto, questi attori, amatoriali solo sulla carta, hanno deciso di coinvolgere amici e parenti per ampliare il proprio gruppo e portare avanti un progetto teatrale.

Dopo il musical, il gruppo porta in scena alcune delle più divertenti commedie dell’indimenticabile Scarpetta come “O’ Scarfalietto” o “Tre pecore viziose” per poi dedicarsi ad alcuni importanti, e più impegnativi, testi del grande Eduardo De Filippo tra i quali possiamo ricordare “Sabato, domenica e lunedi” e “La grande magia”. Al grande maestro i ragazzi dedicano anche una serata a tema interpretando alcune poesie e sketch tratti da famose commedie.

EnnEffEnne, nuovo foyer napoletano

Nell’Ottobre del 2014 questi giovani e promettenti attori prendono la decisione di costituirsi in Associazione per darsi una opportunità di crescita e per porre solide basi per il futuro. Così nasce EnnEffEnne, nuovo foyer napoletano che rappresenta un esempio positivo di come con impegno e dedizione si possa raggiungere un traguardo importante e trasformare l’arte in un notevole mezzo di comunicazione.

Lo scorso Novembre, al teatro Don Peppe Diana di Portici, EnneEffEnne torna in scena per affrontare, con un testo completamente inedito a cura della giovane autrice Maria Porzio, una tematica attuale e toccante quale quella della violenza, fisica e psicologica, degli uomini sulle donne. Pur discostandosi dalla comicità generalmente prediletta dal gruppo, i ragazzi che ne fanno parte accolgono con entusiasmo l’occasione di affrontare questa nuova sfida che desse la possibilità di denunciare un problema ancora oggi tanto diffuso.

Gli attori hanno recitato con grande trasporto e partecipazione, arricchendo così la propria performance e coinvolgendo il pubblico in sala. Lo spettacolo deve il suo nome, “Dodici secondi”, alle ultime statistiche che hanno dimostrato che ogni dodici secondi una donna, nel mondo, subisce violenza. Dunque è raccontata la storia di sei donne, che rispecchiano sei distinti ruoli e personaggi: la figlia, la madre, l’amante, la prostituta, la moglie, la lesbica. Durante la rappresentazione viene fatto solo il nome delle donne: una velata morale che spinge le donne stesse a prendere coscienza della propria esistenza per combattere contro il silenzio nel quale vengono relegate dagli uomini.

Per quanto riguarda progetti futuri l’Associazione EnnEffEnne si augura di continuare a coinvolgere gli spettatori con lo stesso entusiasmo che li accompagna dalla primissima rappresentazione.

Print Friendly, PDF & Email