Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Eric Fanning : primo Capo U.S.Army omosessuale evi

Eric Fanning : primo Capo U.S.Army omosessuale

Di questi tempi, ci si stupisce per niente delle volte. Ci si stupisce per un nuovo Secretary of the Army, Eric Fanning, con più di 25 anni di esperienza nel settore della Difesa, è un qualcosa che dovrebbe passare inosservato, ma non è così.

Perché il nuovo pezzo grosso del Pentagono è omosessuale. Eric Fanning, dopo la rettifica del Senato degli Stati Uniti, ricoprirà il ruolo di capo dell’esercito americano.

Fanning, già precedentemente vice sottosegretario alla Marina e sottosegretario alla Air Force, è stato proposto da Obama nel mese di Settembre, la sua nomina però è stata ritardata di diversi mesi a causa del veto del senatore repubblicano del Kansas Pat Roberts che ha richiesto rassicurazioni riguardo la questione di Guantanamo, il suo smantellamento e il vociferato trasferimento di alcuni detenuti nelle prigioni dello Stato che il senatore rappresenta.

Eric Fanning, classe 1968, è il primo Capo dell’Esercito americano dichiaratamente omosessuale e impegnato nel campo di questa tipologia di diritti a ricoprire un ruolo apicale al Pentagono. Si tratta di una semplice nomina, che riprende anche l’evoluzione dell’ottica in materia di omosessualità e servizio militare negli Stati Uniti.
Sono passati pochi anni da quando l’amministrazione Obama ha abolito la “don’t ask don’t tell” (non chiedere, non dire) introdotta sotto il governo Clinton che in una certa maniera per quei tempi, la metà degli anni ’90, cercava di arginare il problema con una sottile linea grigia.
Il rapporto tra omosessualità e forze armate, come abbiamo già avuto modo di mostrare lo scorso anno, è trattato in maniera diversa in ogni Forza Armata. Con l’amministrazione Obama si è visto come, progressivamente, si stia rompendo il velo della discriminazione, mentre in Paesi come in sud America gli omosessuali nelle forze armate non si nascondono e possono addirittura sposarsi tra loro senza nessun timore, in altri Paesi nel settore Difesa si sta giungendo a quella che dovrebbe essere a tutti gli effetti la “normalità”.