Seguici e condividi:

Eroica Fenice

L’8 Marzo si tinge di prevenzione

In Italia, ogni anno si manifestano circa 3.500 nuovi casi di Tumore al collo dell’utero.

Il Tumore al collo dell’utero è causato principalmente dal Papilloma virus (HPV), che si trasmette per via sessuale. 

È fondamentale ricordare che la maggior parte delle donne al quale è stata diagnosticata un’infezione da HPV non sviluppa il tumore della cervice.

I tumori di questo genere sono curabili al 98% se fatti degli screening appositi per tempo.
La prevenzione è una delle migliori armi per vincere il cancro.

L’importanza del concetto di prevenzione ha iniziato ad essere considerato soprattutto negli ultimi decenni, con l’allungamento della vita media e stili di vita differenti.

Perchè prevenire?

Sicuramente, uno degli obiettivi fondamentali della campagna di prevenzione, è quello di ridurre al minimo il tasso di mortalità o il rischio di sviluppare il cancro.

Come Prevenire?

Le vittime del cancro sono in continua crescita. Secondo una stima, è possibile però prevenire circa il 40 % dei tumori adottando uno stile di vita corretto (evitare alcolici, fumo, ed eseguendo un’alimentazione equilibrata) e sottoponendosi annualmente a controlli.
Inoltre limitare il numero dei partner sessuali e cercare di avere rapporti protetti, restano due consigli utili per la prevenzione. 

In quali pazienti si manifesta?

Nelle donne la frequenza di diagnosticare un cancro al collo dell utero, può variare secondo l’età:
Dai 20 ai 40 anni i tumori femminili costituiscono una rarità.
È tra i 40 e i 50 anni che si registra un primo aumento dell’incidenza dei tumori femminili.
Tra i 50 e i 60 anni si è riscontrato un picco di incidenza dei tumori femminili, è molto importante quindi sottoporsi a programmi di prevenzione.

Il pap-test rimane, ad oggi, lo strumento più efficace per una diagnosi di tumore al collo dell’utero.
È un esame proposto a tutte le donne fin dall’inizio dell’attività sessuale dai 21 anni d’età.
Può essere eseguito anche nelle donne vergini (esistono forme, rare, di tumore della cervice uterina che non dipendono dal virus dell’HPV, trasmesso sessualmente). Il test si ripete una volta ogni tre anni,secondo indicazione medica. 

A questo proposito dall’8 Marzo al 2 Maggio presso l’ospedale Pascale, Istituto Nazionale Tumori di Napoli , è possibile effettuare Pap-test gratuiti.
Lo screening per il carcinoma della cervice uterina mediante il test di Papanicolau (Pap-test) viene offerto alle donne dai 25 anni in su. 

Per prenotarsi è sufficiente mandare un’ e-mail all’indirizzo cup@istitutotumori.na.it. 
Il progetto è stato curato da Stefano Greggi, direttore del reparto di Ginecologia dell’Istituto Pascale di Napoli. 

 L’8 Marzo si tinge di PREVENZIONE

Print Friendly, PDF & Email