Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La pizzeria Da Michele apre a Londra

La pizzeria Da Michele apre a Londra

Ebbene sì. La pizzeria Da Michele approda a Londra. La vecchia Albione ospiterà i maestri pizzaioli nella capitale. A quindici minuti dal centro, la nuova sede sarà in pianta stabile nel quartiere hipster di Stoke Newington.

Al 125 di Church Street si è nel pieno dei lavori. Un forno a legna di due tonnellate è stato trasportato per preparare la migliore “pizza a ruota di carretto” della capitale inglese.

La famiglia Condurro, apre la seconda sede in Europa, seconda per apertura e importanza a quella di Forcella, in via C. Sersale, storico luogo di ritrovo per napoletani, turisti e personaggi famosi.

A Napoli, la pizzeria Da Michele è tra le tre migliori infornate, insieme alla pizzeria “Sorbillo” e “Di Matteo” che ogni giorno ospitano migliaia di persone pronte a gustare la genuinità della pizza napoletana.

Il tempio sacro della pizza”, come è stato definito da molti critici culinari e giornalisti, sarà ritrovo di molti giovani hipster pronti a “snapchattare” o a “twitterare” la pietanza seduti a un tavolo di marmo. Una location che richiama la semplicità del marchio che dal 1870 contraddistingue la pizzeria Da Michele a Napoli e nel mondo.

“Fatte ‘na pizza c’a pummarola ‘ncoppa

Vedrai che il mondo poi ti sorriderà.” (Pino Daniele)

La bontà del prodotto sta nella semplicità che lo compone: fior di latte di Agerola, pomodoro, farina Caputo e olio di semi di soia.  Tutti prodotti genuini che arriveranno dal capoluogo campano alla capitale europea per mantenere i sapori veraci della famosa pizzeria. Alla direzione vi sarà Alessandro Condurro, membro della quinta generazione dei Condurro che insieme ai suoi collaboratori si destreggerà tra margherite e marinare.

Ma come nasce l’antica pizzeria Da Michele?

Michele Condurro, originario di Torre Annunziata, arrivò con la sua famiglia a Napoli dove il padre, per sbarcare il lunario, vendeva pizze fritte per strada. La passione per l’arte della pizza contagiò anche il figlio e il passaggio di un’arte dalle mani del padre a quello del giovane Michele non fu vano; infatti nel 1906 aprì la primissima sede dove ora sorge l’ospedale Ascalesi per poi spostarla in quella storica, in via C. Sersale a Forcella. Oggi Michele ha 80 anni e siede dietro alla cassa ammirando la grandezza di quello che ha costruito con le sue mani.

Oggi, di aziende a conduzione familiare, ne rimangono veramente poche. I colossi dell’industria e le aziende alimentari hanno schiacciato queste piccole realtà con i loro prodotti d’avanguardia ma dal gusto compromesso invece, dopo 5 generazioni, la pizzeria Da Michele è ancora qui, in un mondo che ancora oggi è desideroso di assaggiare l’autenticità e la storia di uno dei piatti più famosi del mondo: la pizza Margherita.

Naomi Mangiapia

Print Friendly, PDF & Email