Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Mars one: alla conquista di Marte

Mars One è una missione spaziale ideata dal ricercatore olandese Bas Lansdorp che prevede la creazione di una colonia stabile sul Pianeta Rosso. Un gruppo di quaranta astronauti prescelti partirà dalla Terra nel 2024. Si prevede un viaggio della durata di sette mesi: pertanto i quaranta astronauti giungeranno a destinazione nel 2025. In questi dieci anni verranno effettuate incessanti ricerche sulle condizioni del Pianeta: ad esempio, si provvede già all’invio, entro il 2016, di satelliti per le comunicazione. Ogni due anni verranno inviati gruppi di quattro persone alla conquista di Marte in modo da garantire un aumento della popolazione. I colonizzatori vivranno in una base spaziale debitamente attrezzata e da lì constateranno le reali possibilità di conquista del Pianeta.

Il progetto Mars One presenta non pochi rischi per i partecipanti: innanzitutto è previsto un viaggio di solo andata è non è contemplato il ritorno sulla Terra. Lo scopo di Mars One, infatti, non è l’esplorazione del Pianeta ma la sua colonizzazione. I gruppi in partenza saranno composti da un egual numero di individui maschili e femminili così da agevolare la riproduzione della specie. Nei dieci anni che intercorrono alla partenza gli aspiranti “marziani” affronteranno un lungo e difficile percorso di addestramento. La pericolosità della missione Mars One, in cui non è da escludere la possibilità di morte per i colonizzatori, ha portato alcuni enti internazionali, tra cui il Mit, a sollevare non poche critiche: ad esempio il Mit afferma che potrebbe esserci la possibilità per gli astronauti di morire in 68 ore per asfissia.

Tra i quaranta prescelti spicca il nome di un italiano, Pietro Aliprandi, ospite, nella puntata di domenica 24 febbraio, del programma televisivo “Alle falde del Kilimangiaro” in cui ha esposto al pubblico alcuni dettagli sulla missione ed è stato sottoposto dalla conduttrice, Camila Raznovich, ad alcune domande che non solo hanno messo in luce la determinazione del venticinquenne italiano, ma hanno fatto trapelare anche alcune ombre di perplessità e inevitabile timore.

Pietro Aliprandi è un ragazzo italiano come tanti altri, con la sua vita, la sua famiglia, la sua fidanzata. Scegliere di aderire a Mars One, di partire per un viaggio di solo andata per Marte significa rinunciare a tutto e iniziare una nuova vita in un nuovo Pianeta.

Pietro e, con lui l’umanità, fino a che punto sono consapevoli del rischio della missione e della sua efficacia? Si tratta di un salto nel buio o, meglio in questo caso, nello spazio, nell’ignoto.

È la curiositas, peculiarità della specie umana, a spingere gli uomini verso territori di conquista sempre più remoti. E speriamo che alla curiosità, almeno stavolta, si accompagni il buon senso e che non si finisca col distruggere un altro Pianeta dell’Universo come è stato già fatto con la Terra.

Giuseppina Iervolino

– Mars one: alla conquista di Marte –