Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Napoli

Napoli: a spasso tra arte, artisti ed autori

Tutte hanno scritto ‘e Napule canzone appassiunate, tutte ‘e bellezze ‘e Napule sò state decantate: da Bovio a Tagliaferri, Di Giacomo a Valente; in prosa, vierze e musica: ma chi po ddi cchiù niente? Chi tene ‘o curaggio ‘e di’ quaccosa doppo ca sti puete gruosse assaie d’accordo songo state a ddi una cosa: ca stu paese nun se scorda maie. Sta Napule, riggina d’ ‘e ssirene, ca cchiù ‘a guardammo e cchiù ‘a vulimmo bbene. ‘A tengo sana sana dinto ‘e vvene, ‘a porto dinto ‘o core, ch’ aggia fà? Napule, si comme ‘o zucchero, terra d’ammore – che rarità! Zuoccole, tammorre e femmene, è ‘o core ‘e Napule ca vò cantà. Questa è la poesia che c’era non tanto nei versi, ma quanto nelle parole di un personaggio che non era di Napoli, era Napoli: Totò. Si, perchè di Napoli t’incanta il mare, ti scalda il caffè, la pizza ti colora la camicia bianca di rosso ammore, la sfogliatella ti addolcisce gli occhi. Ma Napoli è grande perchè ha partorito geni della musica e del teatro, della letteratura e della canzone. Geni nell’animo e nell’amore, nel descrivere i sentimenti di un popolo rassegnato al suo destino di meraviglia e tragedia.
Le strade che distrattamente percorriamo sono intrise di storia e i palazzi ci raccontano di tempi che furono, di arti che innalzarono questa città e tuttora ne descrivono la magia e la grandezza ad ogni sguardo. Rivivere e rispettare l’eredità che abbiamo nel DNA, è doveroso.

Un teatro itinerante per le strade di Napoli!

Questo è lo scopo dell’ associazione culturale “Al centro delle arti” che insieme ad “Infinity s.r.l.” hanno presentato ieri, domenica 3 gennaio, con partenza da Piazza del Gesù “A spasso tra arte, artisti e autori”- Itinerario artistico- teatrale“ . Un’idea di Roberta D’Agostino, supportata dai testi e dalla regia di Corrado Ardone. Un gruppo di attori impegnati in uno spettacolo itinerante, prendono in prestito le parole dei grandi autori ed artisti napoletani per raccontarci aneddoti e storie appartenenti a chiese, edifici e monumenti di quella che, all’unanimità è stata eletta come una delle città più belle del mondo. E così Piazza San Domenico, la Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, e ancora Via Benedetto Croce, per poi ripassare a Piazza del Gesù, tutti questi luoghi che sono stati e sono ancora la culla dell’arte e della letteratura, si sono trasformati in palcoscenici all’aria aperta, un teatro per la gente, tra la gente. Un evento magistralmente interpretato da Giosiano Felaco, Ettore Massa, Ciro Pellegrino, Massimo Peluso e Mattia Tammaro, che in punta di piedi hanno vestito i panni di chi con dignità ha portato Napoli nel mondo. E il 2016, così, inizia con il sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del patrimonio artistico napoletano che è il nostro bagaglio culturale, le nostre radici, la nostra tradizione. Ciò che veramente siamo, e che è nostra responsabilità salva-guardare.
“Napule, tu si adorabile, siente stu core che te vò di: “Zuoccole, tammorre e femmene, chi è nato a Napule nce vo murì”.
Roberta Magliocca

Print Friendly, PDF & Email