Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Napoli sotto le stelle: la Notte Europea dei Musei 2016

Napoli sotto le stelle: la Notte Europea dei Musei 2016

I napoletani cavano l’arte dal sole“, scriveva il celebre architetto italiano Camillo Boito. E se fosse, invece, la luna ad illuminare le meraviglie di Napoli? Anche quest’anno, per l’attesissimo appuntamento con la Notte Europea dei Musei, sarà possibile passeggiare tra i colori e i profumi della città che ha fatto sognare tutti e lasciarsi sorprendere, ancora una volta, dalla sua maestosità. Nella notte di sabato 21 maggio, per i più affezionati e per i nuovi scopritori, sarà possibile accedere ai musei statali (e non solo) al costo simbolico di 1 euro.

Napoli promuove la sua cultura

L’iniziativa, promossa dal Consiglio d’Europa, dall’UNESCO e dall’ICOM, ha raggiunto la sua dodicesima edizione, segno che la bellezza e l’arte non sono un bene dimenticato, ma un dono prezioso per tutti. I musei sono tracce tangibili di passione, tormento e genialità, una possibilità concreta di riallacciarci al nostro passato e di sentirci ispirati per il futuro. Che sia per studio, ricerca o diletto, vivere e comprendere l’arte accrescono la nostra umanità, ingentiliscono la nostra sensibilità, aprono nuove prospettive. È giusto, quindi, che ogni uomo possa fruirne liberamente.

Ogni istituto aderente, arricchirà la visita con spettacoli musicali e teatrali, percorsi letterari e cinematografici, per coinvolgere i partecipanti in un’esperienza multisensoriale. Ogni forma d’arte entra in un’altra, migliorandola e accentuandone il significato. Si avrà l’impressione di essere staccati, per un momento, dalle brutture del mondo, per dedicarsi con anima e corpo al divertimento, allo stupore, alla riflessione.

Questo ingresso straordinario (della durata massima di tre ore) si prefigge, evidentemente, lo scopo di educare e interessare i cittadini alla salvaguardia e alla valorizzazione del loro patrimonio. Incentivare la cultura significa aver trovato il passepartout per migliorare la società, ma anche aver imparato a raccogliere fondi destinati all’arte nella maniera più corretta: offrendola.

Musei napoletani aperti nella Notte Europea dei Musei 2016

Saranno circa una ventina i musei aperti nel napoletano, dagli scavi di Pompei ed Ercolano al Complesso monumentale dei Girolamini (da cui va esclusa la splendida biblioteca, posta ancora sotto sequestro), da Castel Sant’Elmo al Museo Archeologico Nazionale, dalla Certosa di San Martino al Palazzo Reale, dove un mandolino ripercorrerà le note dell’opera buffa dei maestri Scarlatti, Pergolesi, Leo, Barbello, Paisiello e Cimarosa. La Città della Scienza, gioiello napoletano che sta gradualmente ritrovando il suo vigore, proporrà una Notte di Scienza, per incantare grandi e piccini con lo spettacolo di sorprendenti invenzioni, tra luci e ombre.

Vivere quest’opportunità è vivere la nostra città, con amore.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email