Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Stazione di Posta 108

Napoli, Stazione di Posta 108

Stazione di posta 108: è il suggestivo nome della prima Open House, che aprirà a Napoli domenica 18 ottobre, alle ore 18.00.

Si tratta di una dimora privata – ubicata in via Manzoni, 21 –, che il proprietario, Ciro Sabatino – giornalista, editore e già promotore di diverse attività culturali (tra le quali la “libreria popolare” Io ci sto, al Vomero) – ha deciso di aprire al pubblico.

Stazione di Posta 108: “luogo di passaggio trasversale”

L’idea di Ciro Sabatino è quella di concepire e vivere diversamente i luoghi o – in altri termini – di mettere a disposizione di chiunque voglia “luoghi di passaggio trasversali”.

Le Open House costituiscono, invero, un fenomeno già diffuso in Europa: città come Londra, Parigi e Madrid ne contano già tantissime. Quella che, a breve, sarà aperta a Napoli si configura come la prima Open House in Italia.

Stazione di Posta 108 è dotata di un confortevole salotto, un ampio giardino ed una funzionale cucina, ove sarà possibile prepararsi un ottimo caffé caldo (of course!), una golosa merenda a base di pane e Nutella e, persino, un piatto di spaghetti al pomodoro. Infatti, il costo d’ingresso (tre euro all’ora o, in alternativa, quindici euro per l’intera giornata) include anche il consumo dei beni alimentari, contenuti in dispensa.

Stazione di Posta 108 sarà aperta dal lunedì al venerdì, dalle 7.00 alle 18.00. Dopo le 18.00, l’Open House napoletana ospiterà diversi eventi a pagamento, finalizzati alla promozione della cultura nelle sue varie manifestazioni.

Stazione di Posta 108: luogo di cultura e di svago

Stazione di Posta 108 – per frequentare la quale sarà necessario associarsi, pagando una quota annua di 10 euro – non vuol essere solo un luogo di cultura, ma anche di svago: infatti, ivi sarà possibile usufruire di biblioteca, pc, stampanti, scanner, wi-fi, ma anche giocare a ping pong, biliardino, freccette e scacchi.

In particolare, per quanto concerne la biblioteca, tra i prossimi progetti c’è l’allestimento – all’interno della Open House – di una Mistery Library, dedicata agli appassionati dei gialli. Ma non solo. Poiché Stazione di Posta 108 nasce come luogo di condivisione, sarà promosso anche il fenomeno del bookcrossing (fenomeno di condivisione libraria gratuita, di cui Eroica vi ha già parlato, qualche tempo fa).

Il suggestivo nome della prima Open House italiana ha una sua precisa genesi e nasce dal fatto che Ciro Sabatino l’ha pensata come una sorta di rifunzionalizzazione delle stazioni di posta di un tempo, dove i viandanti si fermavano, per una o più notti, nei loro spostamenti, condividendo racconti ed esperienze (cit.).

Cos’altro dire? Stazione di posta 108 vi attende!

Print Friendly, PDF & Email