Seguici e condividi:

Eroica Fenice

scugnizzo liberato evi

Scugnizzo liberato compie un anno, si festeggia

Il 30 settembre, all’interno degli ambienti dell’ex carcere Filangieri, si terrà una grande festa per  il compleanno di Scugnizzo Liberato. Di cosa si tratta? Di un progetto di riqualificazione e recupero autofinanziato e autogestito: un anno fa, in occasione delle Quattro Giornate di Napoli, gli attivisti della Campagna ScaccoMatto, insieme agli abitanti del quartiere Montesanto, hanno riaperto l’ex carcere minorile “Filangieri”Moderni Masaniello hanno strappato al degrado questo bene monumentale per restituirlo agli scugnizzi del quartiere, eredi di coloro che, proprio partendo da tale edificio, collaborarono alla liberazione di Napoli dall’occupazione nazi-fascista durante la Guerra Mondiale.  E come gli scugnizzi di allora liberarono la città dal nemico, questi moderni guerrieri urbani, nati e cresciuti nei vicoli, hanno liberato il Filangieri da tutto ciò che ne strozzava le potenzialità. L’edificio ha una storia lunga, che affonda le sue radici nel XVI secolo, quando fu edificato da una nobildonna napoletana. Divenuto poi convento sottoposto alla regola cappuccina, fu trasformato in riformatorio minorile durante il regno di Gioacchino Murat e tale rimase fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Terminata la sua funzione,  dagli anni Settanta in poi fu progressivamente abbandonato a se stesso, lasciato all’incuria e allo scorrere impietoso del tempo. È servito un anno di duro lavoro per eliminare detriti e calcinacci dai sedicimila metri quadrati del complesso. Dagli ambienti, rimessi a nuovo grazie agli sforzi di tutti gli abitanti del quartiere, sono state ricavate aule per corsi di italiano e lingue straniere, stanze per il doposcuola, una palestra popolare, un punto di raccolta e distribuzione abiti, uffici per sportelli di sindacalismo sociale. È così che ha visto la luce il progetto “Scugnizzo liberato”, uno spazio di condivisione per tutti i cittadini. Il progetto ha visto anche la riattivazione del teatro che Eduardo De Filippo, da senatore a vita, volle ristrutturare per i ragazzi ospiti della struttura, che adesso è a disposizione di compagnie teatrali e circensi e delle centinaia di persone che durante l’anno hanno assistito ai concerti dei migliori musicisti della scena napoletana.
È trascorso un anno da quando lo Scugnizzo Liberato è venuto al mondo e i suoi “genitori” sembrano non avere intenzione di fermarsi. Il loro scopo è quello di fornire agli scugnizzi alternative per diventare nuovi partigiani dei bisogni e dei desideri della collettività e migliorare non solo la propria vita ma quella dell’intero quartiere. Intanto, a 365 giorni dall’avvenimento, l’associazione ha deciso di festeggiare in grande, con giochi, workshop, mostre fotografiche e performance artistiche di vario genere.

Un anno di Scugnizzo Liberato, il programma

Si inizierà a festeggiare già di mattina, con la visita guidata all’ex carcere e varie performance artistiche e ginniche, tra cui una dimostrazione della scenografa Roda de Capoeira ed esibizioni di ballerine di tessuto e trapezio. Sarà attiva tutto il pomeriggio una pista per skaters e una mostra artistica. Nel pomeriggio, dopo un gradevole aperitivo accompagnato da Dj set, vari artisti si alterneranno sul palco, prolungando la festa fino a sera inoltrata.

• Visite guidate dell’ex carcere Filangieri dalle ore 11:00
• Mostra artistica “SoSta”
• Piccola rea free skate (autocostruzioni “Rampa Nomade”), tutto il pomeriggio
• Giochi e attività per i più piccoli
Roda de capoeira
• Performance di tessuto e trapezio a cura della Palestra Rukeli
• Performance teatrali a cura della compagnia “Sott ‘e n’coppa”

15:30 Autoproduzione collettiva di succhi di frutta con Terranostra occupata

18:00 in chiesa: “Da carcere minorile a bene comune della città. Un anno di Scugnizzo liberato, laboratorio di mutuo soccorso”

19:00 Aperitivo & dj set

20:00 Cena

20:30 FRANCESCO SANTAGATA & band presentano “Falsi risvegli”, prima produzione discografica NaDir

21:00 Canzoni dal carcere: GNUT e gli attivisti dello Scugnizzo ripercorrono la storia dello Scugnizzo Liberato.

22:30 FRANCESCO DI BELLA

23:00 LA TERZA CLASSE in concerto+ Dj set