Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Smart City Exhibition 2014

La terza edizione della Smart City Exhibition, ha riscontrato una grande partecipazione, e non solo degli addetti ai lavori. Questo perché i dati sul livello di “vivibilità” delle città più smart hanno veicolato in modo chiaro un messaggio importante: più una città è smart e più la qualità della vita è migliore ad un costo migliore, sotto ogni punto di vista, dal cibo all’energia, dalla salute e benessere ai servizi, infrastrutture disponibili e comunicazione (vedi maggiori info su http://www.apprendistatoprovinciaroma.it/adsl-senza-telefono-fisso/).

Come ogni anno è stata stilata la classifica che coinvolge 106 Comuni capoluogo, assegnando un punteggio, sulla base di 76 indicatori pur sempre statistici. Come nelle passate edizioni lo scopo è quello di misurare gli obiettivi raggiunti dalle città coinvolte nei progetti “smart”, sia per fare il punto della situazione che per stimolare nella prosecuzione, incentivazione e nell’adozione delle politiche atte a rendere la propria città sempre più una smart city.

Secondo l’icity rate 2014, quali sono le città che hanno saputo far meglio rispetto al passato? Il primo posto della classifica è stato occupato da Milano, che è salita dal terzo posto dell’edizione precedente, ottenendo il ragguardevole punteggio di 623. Bologna ha mantenuto la seconda posizione, con un punteggio di 610 punti. Guadagna il terzo posto, scalando 4 posizioni Firenze, che ha ottenuto il primo posto nella categoria della buona governance (mentre Milano è prima nel settore living e in quello economy).

Altre città che hanno fatto bene, scalando diverse posizioni sono: Venezia sesta (salendo dalla decima posizione, e confermandosi prima nella sezione mobility) ma soprattutto Roma che è salita dalla 23esima alla 12esima posizione). Per quanto riguarda le città delle isole e del mezzogiorno? Bisogna scorrere la classifica fino al 60esimo posto con Cagliari. Nella fascia under 70 troviamo due province abruzzesi con Pescara e l’Aquila (rispettivamente 62 e 64 posizione), vicine a Bari e Sassari. Le altre città sono tutte un bel passo indietro con tantissima strada ancora da fare.