Seguici e condividi:

Eroica Fenice

“In questo mondo di ladri”: due chiacchiere con l’autore Angelo Mirisciotti

Un simpatico e “onesto” ladro (Diego Sommaripa) si intrufola nella casa del ricco avvocato Sodano, (Rosario Ferro) e diventa protagonista di una serie di esilaranti episodi che si susseguono nella bellissima casa della “vittima”. Personaggi di ogni genere calcano il palco del prima: una chiassosa e svampita portinaia (Paola Mirisciotti),una coppia di poliziotti (Anna D’Amato – Pino Pino) e una “elegantissima” amante russa (Rossella Argo) gli altri personaggi del primo appuntamento della rassegna “Il Primo sotto le stelle” del teatro Il Primo, un rassegna tutta dedicata al ridere.

Abbiamo avuto la possibilità e l’onore, dopo lo spettacolo, di scambiare due parole con Angelo Mirisciotti, Commediografo, Regista e Docente di Storia del Teatro, Fondatore e Direttore Artistico della Scuola di Recitazione “Prove d’Amore”, nonché autore della commedia “In questo mondo di ladri”.

Quando e come è nata questa commedia?

Dobbiamo iniziare un po’ da lontano. Io sono un drammaturgo da circa 30 anni, ho scritto commedie comiche, drammatiche e un po’ di tutti i generi. Siccome sono molti anni che attori professionisti come Rosario Ferro hanno manifestato la necessità di scrivere commedie con pochi personaggi, allora io ho tirato fuori questa commedia con soli sei personaggi. Si tratta di una commedia comica perché il pubblico oggi, in un periodo di crisi e difficoltà, viene a teatro per farsi due risate e dimenticare il momento che stiamo vivendo.  Perciò negli ultimi anni mi sono orientato verso opere che avessero una certa leggerezza anche se mantengono un riferimento al sociale. Infatti in  quest’opera il messaggio è che il bene può trovarsi anche laddove non te lo aspetti. La speranza è che anche da una piccola cosa, trattata con leggerezza, possa scaturire una riflessione. La commedia, in particolare, ha un anno di vita ed è stata depositata alla Siai un anno fa. Rosario Ferro l’ha letta e mi ha proposto di metterla in scena.

Lei e il regista, Rosario Ferro, avete avuto altre collaborazioni precedentemente?

No, si tratta della prima collaborazione con il regista Rosario Ferro. Una delle attrici è mia figlia, Paola Mirisciotti, che è stata un po’ l’anima dello spettacolo dal momento che è lei che ha prodotto la commedia, Lei è attrice, cantante e ballerina. È stata una bella esperienza. La commedia tornerà qui probabilmente ad ottobre dal momento che, visto il successo, il regista mi ha chiesto di  poterla portare in scena per altre sei serate in autunno e sarà in cartellone. Da questa collaborazione è nato un sodalizio con Paola, tanto che Rosario l’ha inserita nella prossima commedia, “La scampagnata dei tre disperati”, il terzo appuntamento della rassegna.

Ci parli della sue esperienza col teatro.

Io nasco come autore drammatico. Ho scritto opere che parlano dei grandi problemi della società, in particolare il problema degli anziani, degli ammalati, la solitudine. Io nasco anche come insegnante di recitazione. Per me il teatro ha una funzione, come per i greci, didattica e didascalica. Andare a teatro solo per ridere non ha senso, si deve sempre lasciare un messaggio. Il teatro ha due funzioni: una è quella didascalica e l’altra è, per così dire, terapeutica soprattutto per gli attori. A Napoli ho avuto parecchie scuole di teatro e mi è capitato di avere tra gli allievi persone in difficoltà fisica che, grazie alla recitazione, sono riuscite a superare egregiamente i propri problemi psicofisicii.

Ringraziamo Angelo Mirisciotti per il tempo dedicatoci e ricordiamo che la rassegna “Il Primo sotto le stelle”, continua stasera con “DISTURBO?” e l’11/12 luglio con “LA SCAMPAGNATA DEI TRE DISPERATI”.

Oltretutto ricordiamo che, per concludere al meglio la serata, c’è la possibilità della cena spettacolo  (spettacolo +  Menu “Sotto le stelle”(antipasto + panuozzo + bibita) presso la Pizzeria Mascolo (viale dei Pini 28- 150 mt dal Teatro) al costo di € 20 complessivi.

– “In questo mondo di ladri”: due chiacchiere con l’autore Angelo Mirisciotti – 

Print Friendly, PDF & Email