Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Giornate FAI 2014: le bellezze italiane e campane da visitare

Sabato 22 e domenica 23 marzo ritorna l’appuntamento con la bellezza dei nostri luoghi italiani: chiese e monumenti, giardini e archivi, musei e palazzi storici c’è solo l’imbarazzo della scelta tra oltre 700 siti aperti al pubblico grazie al FAI – fondo per l’ambiente italiano.

L’anno di Augusto.

La ventiduesima edizione delle giornate FAI di primavera è dedicata ad Augusto: in occasione del  bimillenario della sua morte, 120 sono i luoghi aperti dal FAI a lui connessi, come ad esempio il suo Mausoleo nella capitale ma anche il Foro oltre che il Teatro di Marcello, tutte testimonianze artistiche e architettoniche del grande imperatore romano; inoltre questi monumenti non sono mai stati aperti se non tempo addietro, ed è un’emozione poterli rivedere. Sempre a Roma sarà possibile visitare La Casa delle Armi all’interno del complesso del Foro italico: un luogo in cui lo spirito del razionalismo diviene una strepitosa cornice ai duelli degli atleti muniti di sciabole e fioretti.

Ma le bellezze italiane aperte per le giornate FAI sono una miriade e alcune di esse davvero insolite: potremo infatti visitare la redazione di uno storico quotidiano nazionale, come Il Corriere della Sera, unitamente alle rotative di stampa -all’interno della stamperia di Pessano -, assistendo in diretta alla nascita del giornale. Sempre a Milano sarà possibile visitare un albergo diurno degli anni ’20: quello di piazza Oberdan in puro stile Liberty – denominato albergo diurno “Venezia”- era un luogo in cui i viaggiatori in transito per Milano potevano trovare tutta una serie di servizi utili, dal barbiere al telefono e bagni pubblici dotati di vasche e docce. A Corleone in Sicilia invece ammireremo il Convento del S.S. Salvatore, racchiuso in una cornice paesaggistica unica nel suo genere, mentre vicino ad Arezzo un intero borgo – il borgo di Montecchi- aprirà le sue porte per visitarne i suoi tesori artistici tra i quali primeggia la Madonna del Parto, capolavoro  di Piero della Francesca.

Le giornate FAI a Napoli e in Campania

Infine uno sguardo agli appuntamenti del FAI a Napoli e nella regione Campania: fiore all’occhiello di questa ventiduesima edizione sarà l’apertura di villa Lucia – ma l’ingresso sarà possibile soltanto per i soci iscritti al FAI – appartenuta alla moglie morganatica di Ferdinando I – appunto Lucia Migliaccio. si tratta di una villa in stile neoclassico, un vero e proprio gioiello che oggi è diventato un condominio di lusso, immerso in un parco dal quale si gode un panorama mozzafiato del golfo partenopeo. oltre a villa Lucia sarà possibile visitare un’altra residenza d’eccezione Villa Rosebery a Posillipo, anch’essa di taglio neoclassico e con la peculiarità di essere la residenza del nostro Presidente della Repubblica durante i suoi soggiorni napoletani, ma soltanto nella giornata di domenica. altri luoghi del FAI aperti in questo terzo weekend marzolino sono l’Archivio di Stato, la stazione geologica Anton Dohrn, palazzo Marigliano e palazzo Ischitella, il complesso archeologico di Carminiello ai Mannesi e la chiesa dei SS Apostoli al centro storico. gli altri appuntamenti del FAI nella regione Campania da non perdere sono: l’apertura dello stadio Antonino Pio a Pozzuoli, la baia di Ieranto a Massalubrense, il castello di Ceppaloni, l’abbazia del Goleto a Sant’Angelo dei Lombardi, l’oasi Ferrarelle in provincia di Riardo e il borgo di Sant’Angelo a Fasanella in provincia di Salerno.

 Le novità di quest’anno.

Molti dei beni della Fondazione saranno fruibili anche di sera, grazie alla loro apertura prolungata oltre il solito orario; tra questi l’Abbazia di Cerrate e la Villa Gregoriana a Tivoli.  i visitatori saranno inoltre accompagnati alla scoperta dei tesori artistici recuperati dal FAI da oltre 22 mila ApprendistiCiceroni, ragazzi e ragazze delle scuole di ogni ordine e grado coinvolti in un progetto di formazione volto a far nascere nelle nuove generazioni la consapevolezza del valore dell’arte come bene del nostro patrimonio culturale. sarà possibile visitare i luoghi del FAI anche mediante le biciclette! grazie alla FIAB i visitatori potranno partecipare a una serie di escursioni su due ruote attraverso i siti aperti del FAI.

A questo punto non c’è che l’imbarazzo della scelta per decidere quale bellezza scoprire nelle giornate dedicate dal FAI alla primavera dell’arte in Italia!

– Giornate FAI 2014: ecco le bellezze italiane da visitare –