Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Mostra d’Oltremare apre le porte al Comicon 2014

Se la mattina del primo maggio, passando nei pressi di Fuorigrotta, vi siete sorpresi per l’insolito traffico, per grandi comitive che si muovevano in direzione di Viale Marconi, per gli autobus stracolmi che alla fermata di Piazzale Tecchio sfornavano orde di adolescenti stranamente attivi agli albori di un giorno festivo, e se, giunti davanti all’ingresso della Mostra d’Oltremare, vi siete stupiti per la moltitudine indefinita di teste che andavano ad ingrossare file chilometriche, probabilmente questo articolo risponderà parzialmente ai vostri interrogativi.

Il motivo di tale mobilitazione è il Comicon, una fiera annuale che si tiene a Napoli da sedici anni, ma non ancora conosciuta da tutti. Si potrebbe dire che il Comicon è semplicemente il Salone Internazionale del Fumetto, ma anche i meno fanatici sanno che è molto di più.
Ai tempi di Castel Sant’Elmo (per diversi anni, infatti, è stata questa la location adibita ad accogliere l’evento) la fiera ospitava stand dove acquistare fumetti e gadgets, e le esposizioni artistiche dei disegnatori. Col tempo ha ricevuto sempre più consensi, specialmente tra i giovanissimi (ma non solo), e pian piano ha allargato i propri orizzonti fino ad abbracciare altre forme di intrattenimento come videogames, cartoni animati, serie televisive, saghe cinematografiche e giochi da tavolo.

Anche il numero dei visitatori è cresciuto in modo esponenziale nel corso degli anni: è questo, infatti, che ha determinato il progressivo spostamento della fiera da Castel Sant’Elmo alla Mostra d’Oltremare. Non soltanto amanti del fumetto, insomma. C’è chi è appassionato, chi è spinto dalla curiosità, chi viene trascinato dagli amici, chi vuole trascorrere una giornata diversa, e chi crede di ritrovarsi in un secondo carnevale dell’anno.
Già, perchè il Comicon è anche l’occasione per travestirsi dai propri idoli in due dimensioni e gareggiare per il miglior costume o farsi investire dai numerosi flash di tutte le persone che vorranno farsi ritrarre insieme al personaggio di cui si vestono i panni.
Non solo eroi della Marvel, personaggi della Disney o degli anime, qualcuno si diverte ad indossare costumi bizzarri (una bottiglia di Jack Daniel’s e una doccia lo sono senz’altro), a vestirsi da protagonisti della musica e del cinema (troverete i Green Day insieme ad Alex DeLarge di Arancia Meccanica) o a mostrare cartelli dalle frasi provocatorie.

Alla fiera si possono incontrare anche illustratori e fumettisti, ma anche personaggi del mondo della rete apparentemente non collegati al fumetto. Anche in questo il Comicon interpreta ed asseconda le esigenze del pubblico cybernauta, aprendosi ad una piattaforma come YouTube ed ospitando famosissimi YouTubers come The Jackal e i Nirkiop, vere e proprie icone per i giovani.

Non è difficile immaginare che un allargamento notevole dell’utenza ha portato con sè qualche problema di gestione e di sicurezza e le lamentele di qualche fan spocchioso nei confronti dei “profani” che si accostano alla manifestazione senza particolari competenze settoriali.
Aldilà di queste rivendicazioni, che fanno un po’ sorridere, e dei problemi d’ordine che si verificano in qualsiasi situazione che coinvolga migliaia di persone, il Comicon si trasforma sempre più in un’istituzione della nostra città.
Un momento di aggregazione per ritrovarsi con coloro che condividono la stessa passione, ma anche un momento di evasione per divertirsi, per conoscere, per imparare e abbattere barriere d’età e status… tutto,  rigorosamente,  sotto il segno della fantasia!

Comicon 2014