Seguici e condividi:

Eroica Fenice

nutella

Napoli aMika della Nutella

È il 20 aprile 1964 quando accade un fatto destinato a segnare la storia dell’industria alimentare e quella del made in Italy: quel giorno di cinquant’anni fa esce dalle linee della Ferrero, ad Alba, il primo barattolo di Nutella. Da quel momento le merende per i bambini non sarebbero state mai più le stesse. E non solo quelle dei bambini.

Ferrero ha voluto celebrare questo mezzo secolo in modo del tutto speciale. E ha deciso di farlo in musica con tutti coloro che almeno una volta nella vita si siano trovati ad assaggiare un cucchiaio di Nutella. Domenica 18 Maggio a ospitare il grande concerto gratuito in onore degli ultimi decenni di storia della cioccolata più amata è stata Piazza del Plebiscito a Napoli. Proprio a Napoli la Nutella è la crema al cioccolato più mangiata: un chilo e 300 grammi all’anno pro capite, record assoluto.

Un evento straordinario, per il quale, dopo il dibattito iniziale che lo aveva messo in forse, la Sovrintendenza ai Beni architettonici di Napoli – nella persona di Giorgio Cozzolino – è giunta ad un accordo con il direttore regionale dei Beni culturali Gregorio Angelini e l’assessore comunale di Napoli alle Politiche urbane Carmine Piscopo.

Giochi per bambini targati Nutella e concerti: la città di Napoli si è resa protagonista dei festeggiamenti più dolci dell’anno. L’evento ha visto l’esibizione di molti artisti: tutti hanno iniziato con un’intervista di Rosaria Renna di RDS proiettata sul maxischermo. Al termine delle esibizioni è stato regalato agli artisti un vasetto di Nutella in onore dei suoi 50 anni. Alle 21.30, il momento più atteso: il boato di Piazza del Plebiscito, gremita di persone, ha accolto Mika, giacca optical, camicia bianca, scarpe lucidissime. ”È la prima volta in questa bellissima città, è incredibile” il suo primo saluto. Parte con Relax, e la folla esplode. Centomila persone e una diretta sul web, per 75 minuti del meglio della glam-pop star nata a Beirut ma inglese d’adozione, famosissima in Italia soprattutto dopo l’esperienza con Sky di giudice a Xfactor. Ed è grande festa, poi, quando arriva anche Chiara che con lui duetta in Stardust e poi, per la prima volta, in Sei l’origine dell’amore. Le luci del palco si spengono per Underwater, cantata al solo bagliore dei cellulari. I fuochi d’artificio finali suggellano la fine della festa.

A precedere la sua esibizione una giornata di eventi per le famiglie (centomila le fette di pane e Nutella offerte, tanto che alle 16.00 gli stand hanno chiuso lasciando a bocca asciutta altri visitatori che sopraggiungevano), e da un pomeriggio di musica aperto dai napoletani Almamegretta sul palco allestito davanti la basilica di S. Francesco di Paola e come incastrato tra due mega barattoloni di Nutella. Ad esibirsi a partire dal pomeriggio in una piazza sempre piena, poi, Simona Molinari, James Senese e Napoli Centrale, Arisa (gradevolissima la sua Reginella a cappella), Giuliano Palma.

Tuttavia, prima dell’inizio del concerto, i disagi non sono mancati, soprattutto per gli utenti della linea 1 della metropolitana di Napoli, dove i treni sono stati bloccati per almeno quattro volte nel corso del pomeriggio a causa di veri e propri raid di alcune bande di giovanissimi vandali che hanno azionato gli interruttori di emergenza delle linee aeree, provocando lo stop dei treni. In alcune stazioni poi sono state bloccate le scale mobili. Ad appesantire la situazione il gran numero di persone che si sono dirette verso il centro della città, utilizzando proprio i treni della metro, per il Nutella Day. Affollatissima la stazione di Toledo, la più vicina a Piazza del Plebiscito. Rafforzato il servizio di vigilanza proprio a Toledo, oltre che a Piscinola e Chiaiano. Ma per la cioccolata più amata dagli italiani si è disposti a tutto: d’altronde si sa, che mondo sarebbe senza Nutella?

Nunzia Serino

Foto: Luigi Iacopo De Blasi