Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Parco Virgiliano di Napoli: storia, foto, curiosità ed orari

Vivo in una città dalle mille sfaccettature, dagli innumerevoli problemi e dalle infinite bellezze. Viviamo circondati da caos e complessità, ma immersi nelle meraviglie. Una delle meraviglie paesaggistiche di Napoli è rappresentata per me dal Parco Virgiliano, luogo di incredibile bellezza.

Costruito nel ventennio fascista per ricordare le vittime della grande guerra, il parco della Rimembranza oggi è noto con nome di Parco Virgiliano: si tratta di una superficie di 92.000 mq articolata su un sistema di terrazze che si erge sulla collina di Posillipo.

Nel 1997, visto lo stato di degrado in cui versava il parco, fu redatto e approvato, in collaborazione con la facoltà di Architettura dell’Università Federico II, un progetto di riqualificazione del sito per la creazione di un parco pubblico: obiettivo sarebbe stato l’eliminazione delle zone asfaltate e delle barriere architettoniche. Dopo anni di lavori nel 2002 venne inaugurato il Parco e finalmente restituito al quartiere e ai cittadini un parco totalmente fruibile e aperto tutti i giorni.

Attualmente il parco, che pure avrebbe bisogno di un po’ di manutenzione in più, offre due postazioni con giochi per i bambini, una piccola pista di pattinaggio, un campo di atletica, numerosi chioschi, un piccolo anfiteatro ma soprattutto un panorama mozzafiato. Dalla piccola collina di tufo si può infatti abbracciare con lo sguardo  tutto il golfo di Napoli. Sulla destra si scorgono Coroglio e Bagnoli , si guarda dall’alto quel che rimane della Città della Scienza che si spera rinasca presto e l’enorme area di archeologia industriale che ospitava l’Italsider; ancora si scorge in lontananza Pozzuoli e alle spalle Procida e Ischia. Proprio sotto alla terrazza più grande spunta dal mare la vicinissima Nisida, quell’isoletta che ospita il carcere minorile.

Girando il proprio sguardo a sinistra si può scorgere la figura di Capri, poi il parco della Gaiola e alle spalle il Vesuvio. La meraviglia maggiore è rappresentata dall’incantevole panorama sulla Baia di Trentaremi sopra la quale fu costruita la grotta di Seiano. Dall’alto si possono scorgere infatti anche le rovine della villa di Pausilypon, fatta costruire nel I secolo a. C. dal ricco cittadino romano Publio Vedio Pollione, della quale sono ancora visibili il Teatro e l’Odeion.

Il parco virgiliano rappresenta uno dei luoghi più belli che abbia visto nella mia vita, un’oasi di pace dove sembra che il tempo si sia fermato lontano dal caos e dal traffico di questa città. Perché è vero che Napoli risulta una delle città in cui è più complesso vivere in Italia, ma è anche vero che con tutte le bellezze paesaggistiche, storiche e culturali questa città può competere con poche altre al mondo. 

Orari di apertura del Parco Virgiliano di Napoli

  • Dal 1 maggio al 20 giugno dalle ore 7:00 alle ore 24:00
  • Dal 21 giugno al 30 settembre dalle ore 07:00 alle ore 01:00
  • Dal 1 ottobre al 30 aprile dalle ore 07:00 alle ore 21:00, con chiusura alle 22:00 di sabato e domenica
Print Friendly, PDF & Email