Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Tableaux Vivants, Caravaggio al Museo Diocesano

Nell’originale cornice del Museo Diocesano di Napoli, sito in Largo Donnaregina, si tiene, in questi mesi, uno spettacolo non inedito per il pubblico napoletano ma che riscuote sempre un maggiore successo.
“La conversione di un Cavallo” non si propone di mettere in scena un testo drammatico, bensì le immortali opere di Michelangelo Merisi, meglio noto come Caravaggio.

La tecnica utilizzata è quella dei tableaux vivants (dal francese, “immagini viventi”) ovvero figurazioni statiche, ricostruite da attori o modelli, che imitano famosi dipinti del passato.
Un obiettivo tutt’altro semplice che un gruppo di artisti, sotto la regia di Ludovica Rambelli, raggiunge con apparente naturalezza grazie all’ausilio di pochi oggetti di scena ed alcune stoffe drappeggiate.

Gli attori (Andrea Fersula, Serena Ferone, Ivano Ilardi, Laura Lisanti, Chiara Kija, Paolo Salvatore, Claudio Pisani) sono abilissimi nel maneggiare le stoffe che, secondo l’occorrenza, diventano abiti, parte della scenografia o sfondo. I cambi si presentano come parte integrante dello spettacolo facendo sì che preparazione ed azione si fondino armoniosamente.
Questa ricercata essenzialità mette in primo piano l’espressività degli attori e la luce, proveniente da un’unica fonte posta in un punto strategico, annulla l’imponente contorno barocco della chiesa di Donnaregina e fissa l’attenzione dello spettatore sul pathos della scena.
La fluida successione di cambi di scena è accompagnata dalle melodie di Mozart, Bach, Vivaldi e Sibelius, saggiamente selezionate per amplificare la tensione emotiva delle immagini ricostruite.

Opere come “La deposizione”, “La cattura di Cristo”, “Giuditta e Oloferne”, abbattono i confini della tela per irrompere con realismo sotto gli occhi degli spettatori che hanno la possibilità di fruire del genio di Caravaggio sotto una nuova prospettiva.
Trenta minuti in cui arte, musica e recitazione si mescolano coerentemente per dare vita ad alcune delle immagini più incisive della pittura italiana.

Lo spettacolo si terrà ancora al Museo Diocesano dalle 10.30 alle 13.30 nei giorni 16 Marzo, 13 Aprile, 11 Maggio, 22 Giugno. Il biglietto comprende anche la visita al Museo.

Hai letto: Tableaux Vivants, Caravaggio al Museo Diocesano