Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Festival dell'Erranza

Torna il Festival dell’Erranza!

Torna il Festival dell’Erranza, giunto alla sua terza edizione. Il Festival si svolgerà nel complesso museale di Piedimonte Matese (Ce), dal quattro al sei settembre.

Quest’anno il tema del festival sarà l’erranza colta in relazione ad una sua particolare declinazione, vale a dire attraverso il tema dello straniero, dell’ospitalità e dell’incontro con l’altro.

Come spiega Roberto Perrotti, organizzatore del Festival dell’Erranza:

“Il tema di quest’anno riguarderà l’ospitalità e l’incontro con l’Altro e avrà come titolo e ispirazione: “Lo straniero e le nuvole”, di chiara derivazione baudelariana. Si guarderà allo straniero come fonte d’interrogazione e come dono di conoscenza, volgendo lo sguardo anche alla mutevolezza e all’indecifrabilità delle nuvole. Il viandante nel porsi in cammino incontrerà inevitabilmente la propria estraneità e sarà indotto a investigare su questo fenomeno di confine. L’esperienza, se vissuta nella ricerca e nell’appropriazione di senso, condurrà alla figura dello straniero, inteso in senso lato.
Questo, provenendo dall’esterno, pone inevitabilmente il problema dell’accoglienza, insieme a quello della minaccia: lo straniero da un lato sarà vissuto come un ospite, dall’altro come un nemico. Egli, infatti, è il portatore di un dono (la nostra identità si definisce nella relazione con l’estraneo), ma anche d’inquietudine (la sua presenza è vissuta spesso come una minaccia). Suscita in noi ammirazione e timore.”

Il Festival offrirà molti spunti di riflessione, grazie al contributo di scrittori e viaggiatori, attraverso racconti, testimonianze fotografiche e documentazione di vario tipo. Il Festival, infatti, “ospiterà” spettacoli, presentazioni di libri, workshop e concerti.

Tra gli ospiti ci saranno Carmen Pellegrino, Daniele Biella, Darinka Montico, il GAL Alto Casertano, Fatima Mahfud, Paolo Mastroianni, Fabrizio Coscia, Marco Neirotti, Antonio Biasucci, Ferdinado Camon, Christian Carmosino, Piero Verni e tanti altri.

Per la prima volta, parteciperà al Festival dell’Erranza anche Emergency, che sarà presente anche attraverso un proprio stand, come l’Associazione Storica della Valle Telesina.

Ma, per consentire ai nostri lettori di cominciare ad assaporare il vero significato del Festival dell’Erranza, vorrei chiudere il pezzo, cedendo nuovamente la parola a Roberto Perrotti:

“Le nuvole, che passano sulla nostra testa, sono anch’esse enigmatiche, indecifrabili, imprendibili, in continuo movimento come lo straniero. Nell’ammirare la loro forma, il loro colore, le loro movenze, proviamo a interrogarle, a carpirne un segno. Aprono squarci di luce e gettano ombre, volano nel cielo, nei disegni dei bambini e nei nostri sogni. Il nostro destino è legato alla loro rotta: dobbiamo imparare a decifrarle, a cogliere la loro mutevolezza, la loro minaccia, il loro linguaggio, la loro straordinaria erranza. In questa luce, si potrà penetrare la polivalenza dello straniero e investigare il significato dell’ospitalità e dell’accoglienza.”

Buona Erranza a tutti!

Torna il Festival dell’Erranza!

Print Friendly, PDF & Email