Seguici e condividi:

Eroica Fenice

vucciria teatro

Vucciria Teatro alla Galleria Toledo

VUCCIRIA Teatro. Io, mai niente avevo fatto. Un dramma a tre voci, ambientato in una piccola cittadina provinciale della Sicilia di fine anni ’80, fatto di amore, violenza, omosessualità. Protagonista è Giovanni, giovane intrappolato in una gabbia di istinto e brutalità, la cui unica “colpa” è quella di aver vissuto senza alcuna economia di passione e sentimenti il suo amore per Giuseppe, insegnante di danza, che sarà la sua delizia, ma anche la sua croce. Una croce che si chiama Aids, fardello tanto pesante da portare e sopportare, ma non tanto da togliere a Giovanni la gioia di esistere. Giovanni è la forza e il coraggio di chi non riesce a non vedere il mondo, se non come spartito di note da danzare. Istinto alla vita, alla sopravvivenza. Al di là della malattia. Al di là del male. Al suo fianco la cugina Rosaria, che gli fa da sorella, da madre, da figlia. L’universo in cui gravitano i tre personaggi della pièce è un universo popolare, dove nulla è comandato dalla mente, ma ogni imperativo è dettato dai soli impulsi del corpo. Cercando di rompere i silenzi, i luoghi comuni che gravitano intorno a tali tematiche, i VUCCIRIA Teatro portano in scena l’Aids, la violenza, la diversità e la tolleranza.

Vucciria teatro porta in scena la perversione

Battuage: termine indicante luoghi in cui si cercano rapporti occasionali. Battuage: pièce in cui i VUCCIRIA Teatro raccontano la storia di un popolo che va alla ricerca del sesso facile, gratis, a pagamento. Eterosessuali, omosessuali, gigolò, puttane, marchette, scambisti. Il tutto filtrato dagli occhi di Salvatore, che in questo mondo ci sta dentro fino al collo. Costretto da nessuno, se non dal suo corpo, involucro di una decadenza comune, Salvatore non è vittima di questo gioco a cui ha deciso spontaneamente di prender parte. Perversione, sesso, solitudine, bestie che hanno dimenticato di essere uomini. Battuage è un viaggio all’interno dell’animo umano, scandagliato nei suoi meandri più oscuri. Un viaggio in cui bestialità e brutalità si riversano in ogni angolo, stravolgendo l’ordine morale delle cose.

Due spettacoli dalle tinte forti, scritti e diretti da Joele Anastasi, che saranno ospitati alla Galleria Toledo di Napoli il 9-10-11 gennaio 2015. Assolutamente da non perdere!

I VUCCIRIA Teatro sono una neo-compagnia teatrale che opera tra la Sicilia e Roma, diretta da Joele Anastasi ed Enrico Sortino. Prendono nome da un mercato palermitano che, se dalla sua derivazione francese significa macelleria, nel dialetto locale significa confusione. Al centro del lavoro della compagnia vi è l’attore e le sue possibilità creative. Attori spogliati da qualunque cosa, in un essenzialismo scenico che spinge gli interpreti ad agire come animali. Un veicolo per raccontare quegli stessi personaggi che sono bestie ai margini di una società. Anche quando questo margine diventa più grande. Anche quando questo margine diventa sempre più la società stessa.

Per chi volesse gustarne un assaggio, di seguito il trailer di Battuage.

 

Print Friendly, PDF & Email