Seguici e condividi:

Eroica Fenice

A’ CHIENA allo ZTN di Napoli

Allo ZTN di Napoli è andato in scena lo spettacolo “A’ CHIENA” dal 21 al 22 febbraio.

La scena si presenta subito ricca di oggetti, nella loro piccolezza molto particolari.

Un tavolo al centro, affiancato da un trono, due piccoli santuari ai lati della scena per venerare Padre Pio.

In alto una lavagnetta con un numero: 14. Scandirà il tempo inesorabile che verrà percorso dagli attori sulla scena: porrà inizio ad un nuovo giorno e vi porrà fine, arrivando alla fatidica data tanto acclamata e ricordata dal protagonista, il 17, già di per se un numero non fortunato.

Un Pippo Cangiano eccellente, ci accompagna nella tematica dello spettacolo, entriamo nel mondo delle triadi, della mafia cinese, ma entriamo anche più a fondo.

Lo spettatore non guarda solo l’immagine di un camorrista che si vede nascondere un cuore tenero, la scena racconta di vita, di una vita macchiata dal peccato, non sempre commesso dalle proprie mani, un peccato che si cerca di espiare chiedendo perdono al Santo e non a Dio; perchè Dio è troppo lontano oltre le nuvole, troppo inafferrabile da poter essere anche solo sentito, si chiede perdono a chi la terra l’ha vissuta e a chi su questa terra ha fatto del bene.

Assistiamo ad un flusso continuo di scene, ad una vita vissuta nella penombra di un bunker che probabilmente ipotizza l’animo del protagonista, un animo che non può sentirsi libero, ma soltanto condannato.

La vita, è vita per tutti, e “A’ CHIENA” ce ne parla, parla di affetti, parla di qualcosa che nel mondo non sta bene, ci parla di una realtà che non dovremmo far finta di evitare oppure di conoscere. A’ Chiena ci mostra una realtà che va raccontata dai giornalisti anche a costo di perdere qualcosa.

Uno spettacolo, A’ Chiena, che ci lascia una sapore di amaro e dolce allo stesso tempo, perchè il bene esiste ed esistono le persone che, pur avendo commesso errori, voglio renderla reale questa bontà.

A’ chiena che contiene gioe, affetti, dolori, rimorsi, che continua inesorabile il suo corso e che alla fine si spegne, portando il buio anche sulla scena.

DI

DIEGO SOMMARIPA

CON

PIPPO CANGIANO

FRANCESCA ROMANA BERGAMO

DIEGO SOMMARIPA

FRANCESCO PIROZZI

 -A’ CHIENA allo ZTN di Napoli-