Seguici e condividi:

Eroica Fenice

“Donne” : Rosalia Porcaro al Sancarluccio

Va in scena al Nuovo Teatro San Carluccio dal 24 al 26 aprile lo spettacolo della  nota comica napoletana Rosalia Porcaro.

Con uno spettacolo vivace e divertente, Rosalia Porcaro ritorna a teatro portando in scena vari personaggi femminili, da quelli più noti a quelli inediti, che presentano comicità differenti. L’attrice domina da sola la scena con il suo carisma e la sua bravura, vestendo (anche letteralmente) gli abiti di donne diverse, le quali affrontano la precarietà e l’infelicità della propria vita con una tale ingenuità che permette loro di trasformare le problematiche in riso e ottimismo.

L’attrice veste per prima cosa i panni di Veronica, il personaggio che la rese nota al pubblico su Telegaribaldi: eccola di nuovo sulla scena raccontare della sua vita nella fabbrica di “borze”, del “mast, donatore di lavoro” che tratta tutti i dipendenti in maniera democratica, cioè non pagando nessuno, delle storie familiari e delle sedute dallo “pisicologo”. Gli spettatori, affezionati a questo personaggio e al suo camice da lavoro, seguono con attenzione tutte le battute di Veronica, quasi le suggeriscono le parole ed è in questi momenti che Rosalia Porcaro rompe il confine invisibile tra la scena e il pubblico per dialogare con esso, divertita. Attraverso le avventure matrimoniali di Veronica, si passa quindi al personaggio della suocera, donna anziana, di vecchi e “sani” principi che si oppone alla nuora ,”donna del futuro”, e  le rende la vita impossibile semplicemente per la sua incapacità di cucinare. Attraverso questo personaggio, il tono della comicità si sposta sul piano della satira con battute sui politici italiani come Bossi e Monti, Berlusconi, Prodi e Grillo, senza che nessuno venga risparmiato.

Successivamente, con un nuovo e veloce cambio d’abito, Rosalia Porcaro compare sulla scena con un personaggio inedito che risente dell’influenza del teatro di Annibale Ruccello, una donna “pazza” che, tra visioni e canzoni, ritiene di essere l’incarnazione della Madonna. In questo momento la comincità si fa meno evidente, divene amara e questa donna, ancora diversa, con i suoi abiti diversi, diventa specchio di un personaggio tragico e reale. Ma è ancora il momento del cambio di vestiti e sulla scena compare un personaggio proveniente dal Medio Oriente: si tratta di Assundham,  donna che, scampata ai missili americani, vive tra i vicoli di Spaccakabul con la sua numerosa famiglia. Il riso scaturisce qui dalle riflessioni sul mondo orientale e occidentale, che si presentano  solo apparentemente in antitesi, specialmente per quel che riguarda la visione della donna.

Dopo l’ultimo travestimento in scena, Rosalia Porcaro si presenta con il personaggio probilmente più conosciuto e più atteso dal pubblico: la cantante neomelodica Natasha, che dopo il grandissimo successo della canzone “Sesso senza amore” presenta la sua nuova hit che racconta la delusione per aver appreso solo dalla bacheca facebook del suo fidanzato di essere stata lasciata. Quest’ultima donna, con i suoi capelli rosa e il suo abbigliamento appariscente che l’hanno portata ad essere paragonata a “Lady Caca”, attraverso un numero verde, dispensa consigli alle donne, specialmente a quelle che come lei sono amanti e sono costrette ad avere un uomo a metà (e la convenienza “dipende da che metà ti capita”!)

Rosalia Porcaro porta  sulla scena se stessa e altre multiformi donne: ognuna si presenta con la sua sua visione del mondo ma tutte sono accomunate dall’uso dell’ironia, unico modo per affrontare la vita “con filosofia” e leggerezza.

Il finale a sorpresa, gli applausi del teatro pieno e i sorrisi stampati sulle labbra degli spettatori all’uscita sono il segno evidente dell’ottima riuscita del piacevolissimo spettacolo.

Viola Castaldo

– “Donne” : Rosalia Porcaro al  Teatro Sancarluccio –