Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Elio Germano in un viaggio al termine della notte

Ci sono per il povero a ‘sto mondo due grandi modi di  crepare, sia con l’indifferenza generale dei suoi simili in tempo di pace, sia con la passione omicida dei medesimi quando vien la guerra.

È forse questo che si cerca nella vita, nient’altro che questo, la più gran pena possibile per diventare se stessi prima di morire.

Viaggio al termine della notte, Louis-Ferdinand Cèline

Louis Destouches è un medico trentacinquenne che abita in rue Lepic, dalle parti di Montmartre e lavora presso il dispensario di Clichy. Louis-Ferdinand Céline è lo pseudonimo – femminile per metà – che quel medico sceglie di adottare, in ricordo dell’amata nonna materna, quando nel 1932 l’editore parigino Robert Denoël decide di pubblicare il suo romanzo Viaggio al termine della notte. Denoël ha davanti a sé un’opera che definisce «impossibile da classificare a causa della sua originalità, scritta da un uomo che si esprime in un modo «immaginoso, allucinato e nei discorsi del quale l’idea della morte – la propria e quella del mondo – torna di continuo».

Completamente rinnovato nelle musiche e nei testi, il capolavoro di Celine sarà in scena il 30 gennaio al Teatro Bellini di Napoli,  interpretato da Elio Germano e Teho Teardo.

Avvalendosi della straordinaria sensibilità interpretativa di Elio Germano, Teardo ripercorre musicalmente alcuni frammenti del viaggio, restituendo, in una partitura inedita, la disperazione grottesca del romanzo. Le immagini evocate dalla lettura di Germano si inseriscono nelle atmosfere cinematiche di Teardo, in un vortice di suoni e parole, dove la voce esce dalla sua dimensione naturale per diventare suono.

Ed è in quel suono che Teardo crea un ambiente nel quale la voce di Germano può suggerirci nuove prospettive sulle disavventure di Bardamu e gli orrori della guerra mondiale, il pessimismo sulla natura umana, sulla società e sulla vita in generale.

Elio Germano in Viaggio al termine della notte…pronti a partire con lui.

 

 Voce: Elio Germano

Chitarra, live electronichs: Teho Teardo

Violino: Elena De Stabile

Viola: Ambra Chiara Michelangeli

Violoncello: Laura Bisceglia

Print Friendly, PDF & Email