Seguici e condividi:

Eroica Fenice

KOMIKAMENTE al Teatro Diana

Ieri 25 Marzo 2015 al Teatro Diana di Napoli è andato in scena KOMIKAMENTE.

KOMIKAMENTE è un cantiere aperto ideato da Michele Caputo dove aspiranti comici lavorano insieme per costruire e inventare un nuovo intrattenimento in città, cercando di realizzare il sogno di calcare i grandi palcoscenici del cabaret.
Michele Caputo è un attore napoletano già noto al pubblico per le sue innumerevoli partecipazioni tra cui va annoverata quella a Zelig Circus.
KOMIKAMENTE ruota intorno alla passione condivisa dei giovanissimi partecipanti a questo spettacolo, alla voglia di riuscire a comunicare, attraverso l’arte, il proprio spirito comico.
Presentatori della serata sono stati lo stesso Michele Caputo affiancato da Benedetta Valenzano.
Un mercoledì all’insegna del cabaret quello del Teatro Diana: un susseguirsi di comicità napoletana con l’intento di arrivare al cuore del pubblico trattando argomenti quotidiani in chiave ironica. 

L’effervescenza, la freschezza e l’immediatezza degli artisti di Komikamente conducono il pubblico alla risata, coinvolgendolo nello spettacolo.
La serata all’insegna del divertimento viene aperta da due giovani proposte alle quali è affidato il compito di rompere il ghiaccio e la cosiddetta “quarta parete teatrale”.
Gli argomenti, trattati in modo scherzoso, oscillano dall’ironia sui social network, al tormentato rapporto uomo-donna e, in particolare, si focalizzano su quello tra moglie-marito.
Ad intervallare i monologhi comici ci pensa, invece, un vero e proprio numero di magia, che fa sognare il pubblico con la comparsa di innumerevoli colombe bianche.
Esilaranti e degne di plauso anche le imitazioni di noti personaggi televisivi come Barbara D’urso e Mara Venier.
Non può mancare un’ironia genuina sul clero: senza mai essere offensivi, infatti, gli artisti divertono il pubblico con battute esilaranti.
I monologhi, rapidi e incisivi,  sono adattati perfettamente al contesto brillante dello spettacolo. Se in alcuni sketch prevale la comicità di marca partenopea, in altri la comicità  assume un tono surreale e magico.
Un pubblico vasto e vario quello presente in sala. Uno spettacolo, quindi, alla portata anche dei più piccini.
Il compito di concludere la serata tocca ad un ospite d’eccezione: Lucio Caizzi. L’artista tiene desta l’attenzione degli spettatori parlando del popolo italiano e dell’ironia che lo contraddistingue. Uno spettacolo dalla durata di due ore in cui la spensieratezza regna sovrana.

Un mercoledì diverso quello al teatro Diana. Una vera e propria sfida quella degli artisti di KOMIKAMENTE: mantenere vive le origini del Cabaret senza rischiare di essere banali.

KOMIKAMENTE al teatro Diana