Seguici e condividi:

Eroica Fenice

L’ombra della sera al Nostos Teatro

Questa volta, sabato 14 marzo e domenica 15 marzo, al Nostos di Aversa va in scena uno spettacolo teatrale che si chiama “L’ombra della sera”: prodotto da Teatropersona. La drammaturgia, la regia, le scene e le luci sono a cura di Alessandro Serra mentre l’interpretazione è di Chiara Michelini. L’elemento principale che più ha colpito il pubblico è stato in sostanza la messa in pratica di un metodo esclusivamente corporeo; infatti tutto lo spettacolo ha visto in scena nulla che potesse far pensare al linguaggio verbale umano. Come dire, il pubblico ha avuto l’occasione di emozionarsi grazie all’efficacia movimentistica del corpo di Chiara Michelini, forte della sua esperienza nel mondo della danza. “L’ombra della sera” si ispira alla vita e all’opera di Alberto Giacometti. Sono notabili infatti le problematiche esistenzialistiche alla Sartre, riguardo soprattutto alle inaccessibilità degli oggetti e delle distanze esistenti tra gli uomini.

L’impianto narrativo di tutto lo spettacolo si basa su un personaggio femminile che vive vari momenti della sua vita in cerca della bellezza, dell’antidoto utile a sconfiggere la monotonia dei giorni, in cerca della risoluzione che squarcia positivamente i rapporti con gli altri, e soprattutto con la figura maschile . Le varie azioni, fattibili non solo grazie allo sforzo qualitativo dell’attrice e della costruzione registica , sono dovute anche alla situazione ricevente del pubblico. E queste sembrano optare a tentativi ipotetici. Per fare giusto un esempio descrivendo l’ultimo capitolo , la donna è con degli scarponi da uomo in mano e cerca di creare tutta una serie di situazioni che possano rappresentare il contatto umano e affettivo con l’uomo che non c’è: la solitudine ferisce la carne viva del personaggio. Ed ecco che lei sale su una sedia, e crea grazie al suo corpo nudo, la scena d’amore. I due trapezi muscolari del suo corpo sono i soggetti che si congiungono e tutto questo grazie alla bravura di Chiara Michelini. Lei sa indossare il corpo con cura e spirito.

Questo spettacolo ci insegna come il concetto, che varia a seconda dell’interpretazione del ricevente, può avere come strumento di comunicazione qualsiasi metodo. In questo caso è il corpo a parlare. Il corpo che dà figura, vita anche agli sguardi più deboli ed esili della nostra società.

-“L’ombra della sera” al Nostos Teatro-