Seguici e condividi:

Eroica Fenice

spirito allegro

Spirito Allegro con Leo Gullotta al Teatro Diana

Al Teatro Diana di Napoli dal 25 novembre al 6 dicembre 2015 è in scena Spirito Allegro di Noël Coward, una commedia che con l’aiuto del video mapping riesce a coinvolgere lo spettatore, riuscendo a rompere il confine con l’aldilà.

Lo scrittore Charles Condomine, interpretato da Leo Gullotta, sta lavorando alla stesura del suo romanzo L’invisibile che ha per protagonista una medium. Per permettere al marito di cogliere i dettagli dell’attività di uno spiritista, la signora Condomine, Ruth (Federica Bern) riesce ad organizzare nella propria abitazione con il supporto della cameriera Edith (Rita Abela) una seduta spiritica con Madame Arcati (Betti Pedrazzi).

Lo spirito allegro della defunta consorte porta scompiglio nella vita della coppia Condomine, soprattutto perché sempre presente nei discorsi di Charles, anche quando ancora non si era “mostrata”.

Durante le manifestazioni dall’oltretomba, con la conseguente trance della sensitiva, i coniugi Condomine ed i loro ospiti, i coniugi Bradman (Chiara Cavalieri e Sergio Mascherpa), amici invitati per l’occasione, assistono a fenomeni paranormali rimanendo sempre molto scettici sugli avvenimenti.
Solo Charles viene coinvolto in un incontro del terzo tipo con un ectoplasma, per la precisione quello della sua ex moglie Elvira (Valentina Gristina) deceduta da sette anni.
Il fantasma che ancora è innamorato dello scrittore, tenterà in tutti i modi di compromettere la vita coniugale del protagonista, arrivando a progettare molti modi per portarlo nell’oltretomba.

Lo Spirito Allegro è una commedia inglese scritta durante la seconda guerra mondiale, è ricca di battute che riescono a restituire ilarità soprattutto perché legate alla scena, retta inoltre con grande bravura da Leo Gullotta e non in secondo piano dagli altri attori.
La regia di Fabio Grossi, con la produzione del Diana, porta nel teatro un’opera che si confrontò con i salotti di una Londra degli anni ’40, che “manteneva la calma”, ponendo in primo piano un confronto tra i personaggi che rappresentavano i diversi atteggiamenti degli inglesi di quel periodo.

Effetti speciali per uno Spirito Allegro con una comicità elegante, quasi a voler mostrare l’invisibile del quale si occupava Charles.

Durante lo spettacolo il pubblico si trova immerso nella scena, che non possiede un fondale, bensì con l’aiuto delle video proiezioni è stato ricreato un vero e proprio trompe-l’œil che corona le quinte con la sua tridimensionalità e le sue animazioni, con il quale gli attori possono persino interagire.
Lo Spirito Allegro di Noël Coward risulta essere rappresentato in maniera magistrale mantenendo intatti i canoni dell’autore, che con il supporto del video mapping viene reso contemporaneo e di reale coinvolgimento.

Print Friendly, PDF & Email