Seguici e condividi:

Eroica Fenice

unalampa di Roberto Azzurro

“Unalampa” di Roberto Azzurro: invettiva per Napoli al Teatro Elicantropo

Va in scena, dal 16 al 19 Aprile presso il Teatro Elicantropo di Napoli, lo spettacolo “Unalampa“, un progetto artistico dell’attore e regista partenopeo Roberto Azzurro.

La città di Napoli è capace di sconfiggere la morte proprio perché non attaccata alla vita, una città permeabile alle influenze che tutto e niente conserva, priva di prospettive per il futuro e proprio per questo libera da ogni paura

Questa profonda considerazione di Roberto Azzurro concorre a far nascere l’idea di unalampa, spettacolo strutturato come invettiva (un attacco, un rimprovero, un’accusa, una denuncia ma anche una preoccupata imprecazione) contro la città di Napoli ed i suoi abitanti, se stesso compreso.

Unalampa vede come protagonista Roberto Azzurro che, cantando, scherzando ed inveendo, pone in essere uno sfogo ricco ed appassionato. Realizza una riflessione sul suo “odio” per Napoli, argomentando in modo coinvolgente e colorito quelle che sono le proprie ragioni. Unalampa è in realtà un atto di coraggio e di amore o di “tradimento” dell’autore, secondo le sue stesse parole, verso la propria madre tiranna, come solo un figlio profondamente legato ad essa può fare.

“Unalampa” di Roberto Azzurro, una invettiva in 7 monologhi

L’invettiva di Roberto Azzurro si compone di sette monologhi intervallati da 7 canti (sette urli, sette dolori e, anche, sette comici sberleffi). Le parole si presentano come provocatorie, schiette ed irriverenti; l’autore, tra accese accuse e comiche battute, realizza profonde e coinvolgenti considerazioni che spingono il pubblico alla riflessione. Vengono affrontati e denunciati gli scandali quotidiani della città di Partenope, scandali con i quali i Napoletani ormai convivono perché abituati, rassegnati, assuefatti ad una realtà spesso marcia che pochi tentano di mutare. L’ ironica accusa di Azzurro verso Napoli si presenta come l’estremo tentativo di un figlio preoccupato che cerca di invitare i propri fratelli-concittadini a reagire, a dare rilevanza alle questioni della propria terra, perché solo mediante la riflessione è possibile muovere i primi passi verso la risoluzione delle problematiche che attanagliano la città di Napoli.

Unalampa prende a prestito parole di Patroni Griffi, Libero Bovio, Antonella Cilento, Goethe, Curzio Malaparte, Wharol, Viviani, Pasolini e tanti altri artisti, che nel corso dei secoli hanno cantato, umiliato, amato, odiato Napoli. Sono parole scaraventate sul pubblico come una valanga, trascinate da un fiume in piena.”

L’autore descrive Napoli come una città atipica e scandalosa: Tutto ciò che in qualsiasi altra città del mondo è ordinario, a Napoli è straordinario. E naturalmente viceversa.

Unalampa di Roberto Azzurro

Napoli, Teatro Elicantropo – dal 16 al 19 Aprile 2015

Inizio delle rappresentazioni ore 21.00 (dal giovedì al sabato), ore 18.00 (domenica)

Info: Teatro Elicantropo

Print Friendly, PDF & Email