Seguici e condividi:

Eroica Fenice

viaggio

Il viaggio nel tempo: partire o restare?

Tutti ci siamo posti almeno una volta la domanda: se ci dessero la possibilità di un viaggio indietro nel tempo, cosa cambieremmo della nostra vita?

Se potessimo modificare ciò che è stato, che errori correggeremmo? Quali dolori, rimorsi o rimpianti cercheremmo di cancellare?
Davvero oseremmo dare un nuovo senso alla nostra esistenza?
Ma per diventare cosa e andare dove?
E con chi? 

Tante, troppe domande a cui è difficile rispondere, non così, non su due piedi, non sul serio!
Quante volte abbiamo sperato di poter tornare a dieci anni fa o ad un mese fa, ad ieri e a volte anche solo al minuto prima! Quante volte abbiamo rimpianto una decisione avventata o troppo ponderata e quante volte ci siamo pentiti di una risposta data o non data affatto, di un abbraccio negato, di un bacio regalato, di un amore perduto o di un’amicizia dimenticata!
Quanti rimorsi abbiamo accumulato nel corso della vita? Alcuni li abbiamo superati e forse dimenticati, altri li abbiamo seppelliti in un angolo del nostro cuore e lasciati lì per giorni, mesi, anni fino a farli svanire e non pensarci più; eppure sono ancora nello stesso posto, pronti ad uscire al primo momento di debolezza e fragilità, pronti a ricordarci che i rimorsi non si cancellano mai: vanno in letargo per un po’, poi si risvegliano e ci tormentano, poi ritornano a dormire nuovamente e il ciclo ricomincia, per sempre.


Ciò nonostante, se davvero ci fosse dato il potere di viaggiare nel passato e giungere ad un preciso momento della nostra vita che vorremmo a tutti i costi cambiare o cancellare, davvero avremmo il coraggio di farlo, davvero ci azzarderemmo ad intraprendere questo viaggio e rischiare di non riconoscerci più, una volta ritornati?

Tutte le scelte e le decisioni prese, tutti le gioie e le sofferenze provate e tutti i rimpianti e i sogni realizzati ci hanno portato ad essere ciò che siamo ora, ci hanno reso le donne, gli uomini, le madri, i padri, le nonne, le amiche e gli amici, le sorelle e i fratelli, i mariti e le mogli, le fidanzate e i fidanzati che siamo diventati!

Tutto il cammino intrapreso fino al presente che stiamo vivendo, tutti i bivi che abbiamo incontrato e che ci hanno costretto a scegliere, tutte le persone che hanno fanno parte di noi per un po’ e che poi, per svariati motivi, ne sono usciti e tutti coloro che ci saranno sempre hanno avuto un ruolo nella nostra vita, nel nostro presente e tutto questo avrà, irrimediabilmente, un ruolo nel nostro futuro!

E noi davvero vorremmo cambiare il nostro presente, rischiando di perdere anche tutti i momenti di gioia vissuti fino ad ora?

Davvero oseremmo dare un nuovo senso alla nostra esistenza?
Ma per diventare cosa e andare dove?
E con chi?

-il viaggio nel tempo: partire o restare?-