Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Munasterio 'e Santa Chiara

Munasterio ‘e Santa Chiara, storia e bellezza

Munasterio ‘e Santa Chiara.

Chi può sapere se la luna, di notte, t’illumina la croce o il rosone traforato.
La Napoli angioina in origine ti volle e a guardarla la tua storia sa di fame e sa di guerra.
La guerra che ti ha distrutto il volto, senza impedirti di battere nel cuore sordo di questa città che applausi a volte richiede e a volte neanche merita.

Munasterio ‘e Santa Chiara.

Con l’anima sorda scorgo a rimirarti i turisti increduli della tua sopravvivenza e della tua bellezza, la sola fede in cui davvero si può credere.
Quella dell’amore di un popolo che, a piedi nudi, canta e balla intorno alle tue rovine.

Oltre le facce ‘ra pucundria e ‘ro malumor ce sta, in questa città, chi penza ancora ‘e parole e ‘na canzone.

“Munasterio ‘e Santa Chiara
tengo ‘o core scuro scuro.
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm’era,
penzo a Napule comm’è?!”

 

 -Munasterio ‘e Santa Chiara, storia e bellezza-

Print Friendly, PDF & Email